Movida, il Tar sospende l'ordinanza comunale: nessun limite di orario

Il tribunale, sulla base del ricorso presentato dal "Dolce Vita", ha accolto l'istanza di sospensione dell'ordinanza comunale che imponeva orari di chiusura per i locali di strada Farini e via D'Azeglio

Il Tribunale Amministrativo Regionale per l'Emilia Romagna sezione staccata di Parma, sulla base del ricorso presentato dal locale "Dolce Vita", ha accolto l’istanza di sospensione dell'ordinanza comunale che stabiliva la chiusura per i locali di strada Farini e via D'Azeglio all'una di notte il venerdì e sabato, e a mezzanotte la domenica. Non vi saranno più limiti, quindi, almeno fino alla nuova regolamentazione di cui si farà carico, quasi sicuramente, il nuovo sindaco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le motivazioni, si sottolinea la "insussistenza dei presupposti di necessità ed urgenza sui quali si fonda il provvedimento impugnato".
Inoltre il Tar evidenzia anche "l’imminente entrata in vigore di uno specifico strumento regolamentare (31 maggio 2012) disciplinante in maniera organica la materia", per cui il provvedimento del commissario straordinario, in sostanza, avrebbe potuto attendere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • La finalista parmigiana dell'ultima edizione di MasterChef Italia Marisa Maffeo ricevuta dall'assessore Casa

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

Torna su
ParmaToday è in caricamento