menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tasse universitarie, raccolta firme dell'Udu: "E' un sistema iniquo"

Il sindacato avvia la mobilitazione per chiedere la modifica del sistema di tassazione. Proposta alternativa con un curva garante delle diversità di reddito. "Oggi chi ha poco paga tanto e chi ha tanto paga poco"

"In attesa delle prime riunioni dei nuovi organi maggiori del nostro Ateneo l’UdU Parma vuole da subito riportare al centro dell’attenzione una tematica fondamentale per gli studenti universitari nonché al centro del nostro programma elettorale. Secondo i dati della nostra associazione, benché la nostra università non sia tra le più care d’Italia per tassazione media degli studenti, ci troviamo davanti ad uno dei sistemi di tassazione peggiori e più iniqui del Paese.

Un sistema dove chi ha tanto paga poco (molto meno della maggior parte delle università del nord Italia) e chi ha poco invece paga tanto (molto più della media nazionale). Il tutto dovuto ad un sistema che prevede solo quattro fasce di reddito in cui suddividere gli studenti e che fa pagare ad uno studente con 28.000€ di ISEE solo 156€ in meno di chi ha un ISEE superiore a 75.000€.

Crediamo che un’università pubblica debba garantire agli studenti di tutte le fasce di reddito di accedere all’istruzione superiore pagando una tassa realmente proporzionata al proprio reddito. Crediamo che in un’università pubblica le tasse degli studenti universitari debbano essere un “contributo” al sostentamento dell’Ateneo e non certo un metodo per far cassa in tempi di crisi o una forma di baratto per i servizi minimi dovuti agli studenti.

E’ per questo motivo che da domani mattina e nelle prossime settimane i rappresentanti dell’UdU saranno davanti a tutte le sedi del nostro Ateneo per raccogliere le firme degli studenti a sostegno delle nostre proposte sulla tassazione: realizzazione di un nuovo sistema di tassazione, basato su di una curva garante delle diversità di reddito, invece che su fasce ridotte simili tra loro, che consenta a tutti gli studenti dell’Università di Parma di pagare tasse realmente proporzionate al proprio reddito. Istituire un tavolo tecnico di discussione per la riforma del sistema di tassazione del nostro Ateneo comprendente l’Università e i rappresentanti degli studenti. Bloccare l’applicazione della spending review dell’attuale “governo Monti” relativa alle tasse universitarie nel nostro Ateneo.

 
Le firme raccolte saranno consegnate, insieme alle nostre proposte, al Magnifico Rettore
e agli organi di governo dell’Ateneo e saranno la base della nostra battaglia su questo tema già al centro della nostra campagna elettorale. Invitiamo tutte le rappresentanze studentesche ad aderire alla nostra petizione e ad appoggiare le nostre proposte negli organi accademici, perché crediamo che il diritto degli studenti ad una tassazione equa debba essere uno dei punti di partenza dell’agire di qualunque rappresentante studentesco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Sport

    L'Inter soffre, ma vince: al Parma restano solo i complimenti

  • Cronaca

    Covid: quasi 170 casi e un morto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento