menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teatro Regio: Bruno Dal Bon si candida come direttore generale

Il docente e fondatore dell'Università Popolare dell'Opera di Parma si candida come direttore generale del Teatro Regio di Parma e cita il programma dei 5 Stelle: "Gestione aperta e condivisa"

Bruno Dal Bon, docente e fondatore dell'Università Popolare dell'Opera di Parma si candida come direttore generale del Teatro Regio di Parma e cita il programma dei 5 Stelle: "Gestione aperta e condivisa". 

"Il programma presentato dal Movimento 5 Stelle di Parma alle scorse amministrative -scrive Bruno Dal Bon- proponeva per il Teatro Regio “una gestione aperta e condivisa” la creazione di una “consulta artistica”, l'idea di un teatro che in alcune occasioni uscisse dalla propria sede con iniziative da portare nelle strade e nelle piazze in una sorta di “grande teatro naturale”. Proposte coraggiose che condivido e dalle quali vorrei partire per la stesura di un progetto artistico e gestionale del Teatro Regio da presentare insieme alla mia candidatura alla carica di Direttore generale. So quanto oggi sia difficile trovare soluzioni durevoli ai tanti problemi che affliggono i teatri d’opera italiani soffocati dalla complessità di un sistema che non riesce a superare le contraddizioni di un lunga fase di transizione normativa ed economica. Ritengo tuttavia che la prima strada da percorrere sia quella di cercare in tutti i modi un rinnovato coinvolgimento della città.

"Per questo -continua Dal Bon- ho deciso di rendere pubblica la mia candidatura e di promuovere una serie di appuntamenti nei quali incontrare chi lavora in teatro, le realtà musicali, culturali ed imprenditoriali, i musicisti e gli appassionati per avviare un confronto che, lontano da sterili risentimenti e con spirito propositivo, possa contribuire alla stesura di una progetto comune per il rilancio culturale ed economico del Teatro Regio. Un progetto per il teatro e per la città da lasciare a disposizione di tutti che, in caso venissi nominato, mi impegnerei a realizzare. Questa mia volontà si collega in parte al lavoro iniziato lo scorso anno con l'Updop - Università popolare dell'opera di Parma, dove, nell'ambito del mio seminario di Economia della musica, avevo avviato una prima ricerca collettiva su “Il pubblico del teatro d'opera” (sondaggi.updop.org).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

  • Attualità

    Mercateinfiera rinnova l'appuntamento ad ottobre 2021

  • Cronaca

    Il Giro d'Italia passa da Parma

  • Attualità

    Meteo: ecco che tempo farà nel week end del 1° Maggio

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento