menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teleducato | Sindacati: "L'editore conferma la volontà di vendere/affittare le frequenze"

Le organizzazioni sindacali fanno sapere che sarebbe inaccettabile privilegiare iniziative volte a fare cassa senza considerare la rioccupazione dei dipendenti e prevedono più drastiche iniziative di lotta per garantire la sopravvivenza di una importante realtà editoriale sul territorio di Parma.

Rimane in stallo la situazione dei dipendenti di Telemec Srl, società che detentrice di Teleducato. I sindacati, che avevano riferito negli scorsi giorni di un silenzio totale da parte della dirigenza, riferiscono gli aggiornamento in un comunicato:

“A seguito di contatti telefonici, l'amministratore delegato di Telemec Srl ha confermato che sono in corso trattative per la cessione/affitto dei canali TV e che da parte dei potenziali acquirenti ci sarebbe un interessamento a farsi carico dei dipendenti. Inoltre si è convenuto di fissare un incontro da tenersi entro la fine della settimana prossima.

Le organizzazioni sindacali di categoria di SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL e Rsu ribadiscono che sarebbe inaccettabile la decisione della proprietà di Telemec di privilegiare soluzioni finalizzate esclusivamente a far cassa e tornano a chiedere, al contrario, che la cessione, o affitto che sia, privilegi quei soggetti disposti a garantire la continuità produttiva in un'ottica di rilancio e qualificazione di un progetto editoriale strettamente legato al territorio di Parma nonché disposti a rioccupare tutti i dipendenti già in forza nel mese di ottobre a Telemec. È stata pertanto riaffermata all'amministratore delegato l'assoluta necessità di programmare quanto prima un incontro con il possibile cessionario per poter verificare e concordare le condizioni del passaggio dei dipendenti.

In caso contrario saranno intraprese ulteriori e più drastiche iniziative di lotta, oltre a quelle legali già avviate, per garantire la sopravvivenza di un'importante realtà aziendale/editoriale ed i posti di lavoro a fronte di un'operazione che, rispetto agli aspetti occupazionali, lascia molti dubbi sulla sua legittimità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma quasi 100 casi ma ci sono 7 decessi

  • Cronaca

    Vendeva cocaina in strada, arrestato nigeriano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento