Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Tep, Rubini ci ripensa: l'ingegner Piazza non è più sospeso ma affidato ad altro incarico

Dopo le polemiche il presidente Mirko Rubini ha deciso di revocare la sospensione del dirigente di Tep Mauro Piazza: “Ringrazio la mia azienda e do atto al presidente Rubini di aver saputo valutare il mio operato"

Dopo le polemiche il presidente Mirko Rubini ha deciso di revocare la sospensione del dirigente di Tep Mauro Piazza, uno dei due dirigenti sospesi dopo la vicenda dei debiti del Parma Calcio rispetto al servizio di trasporto effettuato da Tep. Polemiche che hanno portato la società sportiva a dichiarare che non si avvarrà più di quel servizio. 

"Si è conclusa oggi -si legge in un comunicato di Tep- la sospensione disposta a carico del dirigente di Tep Mauro Piazza. È giunto a termine, infatti, l'iter procedurale che ha permesso di chiarire tutti gli elementi oggetto di verifica e nulla osta al rientro in attività dell'ing. Piazza. La conclusione del procedimento è frutto anche di un positivo dialogo fra le parti che, partendo dal riconoscimento del contributo generato dal dirigente in 20 anni di lavoro in Azienda, è stato teso a non disperderne l'esperienza e l'apporto potenziale per il futuro di Tep. L'ing. Piazza ha già assunto un nuovo incarico dirigenziale all'interno del Gruppo. “Ringrazio la mia azienda e do atto al presidente Rubini di aver saputo valutare, con equilibrio e ragionevolezza, il mio operato all’esito di un proficuo e intenso confronto, tenendo altresì in considerazione la mia sempre apprezzata storia lavorativa in Tep", ha dichiarato l’ing. Piazza al termine della vicenda. “Sono soddisfatto poiché da oggi la collaborazione con l’ing. Piazza riprende sulla base di una nuova ed impegnativa sfida su cui misurarsi - è la valutazione del presidente di Tep Mirko Rubini -. Possiamo cominciare tutti insieme un nuovo percorso al servizio di questa splendida città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tep, Rubini ci ripensa: l'ingegner Piazza non è più sospeso ma affidato ad altro incarico

ParmaToday è in caricamento