Privatizzazione tep: ancora gara deserta? Il commento di un lettore

Potrebbe essere proprio questo l'epilogo: infatti da quelli che sono i rumors che arrivano da più parti sembra che anche questa volta la nostra beneamata azienda di trasporto pubblico potrebbe non perdere quella completa e totale parmigianità che l'ha ultimamente contraddistinta

Potrebbe essere proprio questo l'epilogo di quella che ormai possiamo proprio definire una "telenovela in salsa parmigiana": infatti da quelli che sono i rumors che arrivano da più parti sembra che anche questa volta la nostra beneamata azienda di trasporto pubblico potrebbe non perdere quella completa e totale parmigianità che l'ha ultimamente contraddistinta in un panorama regionale di aggregazioni.

Ma quali potrebbero essere le ragioni di questo ennesimo flop nel tentativo (da verificare quanto convinto) da parte delle due proprietà di venderne il 49% ?

Certamente più d'una e certamente a carico di entrambi coloro che su questa partita inizialmente avevano dimostrato un qualche interesse: Comune di Parma e TPER.

Il Comune di Parma avrebbe sicuramente ricavato pochi milioni di euro (forse 3) da questa operazione, ma nel "mare magnum" di quel debito che si ritrova a gestire non è certamente questo che sposta, visto anche quello che sono disposti a pagare per certe consulenze…….

Quello che invece sposta politicamente, e anche molto, sempre per il Comune, è il fatto che con la privatizzazione della TEP si sarebbe andati in rotta di collisione con quanto detto e ridetto nella campagna elettorale (e non solo) che ha portato il Sindaco Pizzarotti alla guida del Comune, e dopo la figuraccia fino ad ora rimediata con il termovalorizzatore, sarebbe bene non ripetere l'errore.

Contestualmente si eviterebbe di entrare in rotta di collisione con le OO.SS. che su questo tema proprio non ci sentono.

Per quanto riguarda TPER, che ha annunciato l'intenzione di partecipare alla gara, mi pare che le condizioni economiche e politiche siano tali da non dare per scontato la conferma della partecipazione alla stessa gara.

Intanto sotto l'aspetto politico, c'è da registrare lo stop, almeno momentaneo, che gli Enti locali proprietari di TPER hanno intimato all'Assessore Peri sul progetto di privatizzazione della costituenda azienda regionale del TPL: il nostro Assessore ha fatto buon viso a cattivo gioco ma un eventuale andata deserta della gara di Parma gli consentirebbe di guadagnare tempo e in politica il tempo spesso è maledettamente importante.

Poi c'è l'aspetto economico: come si fa a trovare le risorse per partecipare alla gara di Parma quando la stessa TPER perde circa 8,500.000 di € e gli eventuali partners in una possibile ATI, mi riferisco a SETA e a Start Romagna non sono messe meglio ?

Seta perde qualche milione di € e forse deve trovare le risorse per liquidare il privato RTP che, pare, abbia deciso di mollare tutto, mentre in Start Romagna le cose non vanno meglio e non sono certamente in grado di reperire risorse per coprire Parma.

Quanto alle aspettative dei privati autoctoni che si sarebbero resi disponibili a prendere parte alla stessa ATI, di fronte alle mutate condizioni sopra esposte, queste passano in secondo piano e possono essere sacrificate: in tutti i casi qualcuno ha pensato che si può sempre contare su quei 3 milioni di euro che questi ogni anno fanno risparmiare alla stessa TEP !

Ragion per cui la cosa migliore sarebbe proprio quella di mandare la gara deserta e prendere tempo per l'interesse di entrambi: un recente incontro tra l'Assessorato regionale ai trasporti e il Sindaco di Parma pare abbia affrontato questa eventualità.

Rimane il terzo incomodo e cioè l'altro soggetto che pare intenzionato a partecipare ossia Arriva, almeno così si dice.

Rimane infatti da verificare se l'interesse di questo colosso del trasporto pubblico, di proprietà della Deutsche Bahn, sia effettivo oppure, come si sussurra da più parti, sia solo di disturbo (viste anche le esperienze poco positive fatte in altre realtà) nel qual caso il gioco è fatto.

Ma tutto questo può essere davvero uno scenario possibile oppure è solo l'effetto dell'anticlone africano Caronte ad avere effetti letali su chi scrive ?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Globetrotter

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento