menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tep, polemiche sul presidente Rubini. Ghiretti: "Dedica 'ben' 15-20 ore all'azienda?"

"Che dire poi -insiste Ghiretti- del fatto che il Presidente non ha ritenuto di consultare il suo Cda e i suoi soci di riferimento su scelte che potrebbero comportare risarcimenti molto onerosi per l'azienda?"

Caso Tep. Il consigliere comunale Roberto Ghiretti non molla e ritorna sulla discussione in Consiglio comunale e sulle parole dell'assessore Folli. "Ieri in Consiglio comunale è andato in scena il confronto tra la minoranza e l'assessore Gabriele Folli sulla questione Tep. Una vicenda sulla quale il Comune di Parma a cercato di dire il meno possibile, evidentemente preso com'è dall'imbarazzo di una situazione a dir poco grottesca. A cominciare dalla tesi principale dell'Assessore che ha sostenuto che la politica non deve immischiarsi nella gestione delle partecipate, una posizione francamente assurda considerato che stiamo parlando di perdite per diverse centinaia di migliaia di euro determinate dalle scelte di un Presidente di chiara nomina politica.

Come giustificare diversamente l'assenza di competenze specifiche nel suo curriculum, selezionato dalla Giunta 5 stelle? La vicenda seguirà il suo corso e io non sono certo chiamato a una difesa d'ufficio di due dirigenti che non conosco sotto il profilo professionale. Mi limito però a sottolineare che lo spettacolo offerto lascia molto a desiderare. Brutto vedere un dirigente che si dimette dopo aver raggiunto un accordo economico (quanto è costato?) e il Presidente che lo ha sospeso dal servizio dichiarare stima e quant'altro. È un clima da notte dei lunghi coltelli che non mi piace e non fa bene all'azienda.

Peggio ancora scoprire che il Presidente di Tep ha avuto un ruolo da altissimo dirigente nel default di una banca. Che dire poi del fatto che il Presidente non ha ritenuto di consultare il suo Cda e i suoi soci di riferimento su scelte che potrebbero comportare risarcimenti molto onerosi per l'azienda? Faccio rispettosamente notare poi che di fatto un signore incaricato di portare a termine una gara per la ricerca di un socio privato in Tep, incassa l'assenza totale di offerte e decide di assestare un uno-due all'azienda, che già oggi comporta tra costi aggiuntivi e minori entrate almeno 250mila euro di perdite.

Stiamo parlando di quello stesso Presidente che, tra l'altro, dichiara candidamente di dedicare ben 15-20 ore settimanali all'azienda e per il resto è reperibile via cellulare e web. Qualcuno gli potrebbe spiegare che il suo emolumento è per un'attività a tempo pieno? Brutto infine vedere che il Presidente si sia presentato in commissione, per spiegare le ragioni della sospensione dei due dirigenti, accompagnato da un funzionario che a detta di molti addetti ai lavori aspira a prendere un posto dirigenziale in seno alla Tep. Insomma, da qualunque lato la si guardi, questa è una vicenda brutta, alla quale il Comune dovrebbe decidere di guardare con più attenzione, altro che teorizzare una non ingerenza della politica nelle scelte gestionali di un presidente da lei indicato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Sport

    Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento