menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terenzo, bracconiere uccide un gatto e si giustifica

Una volta fermato all'interno della vettura è stata rinvenuta una carabina a canna rigata di calibro vietato per l'esercizio venatorio e si è giustificato dicendo che era alla ricerca di gatti e volpi per abbatterli

Nei giorni scorsi la Polizia Provinciale, nell’ambito di vari servizi volti alla prevenzione e repressione di illeciti in materia faunistica – ambientale, ha segnalato all’Autorità Giudiziaria una persona resasi responsabile di attività in violazione alla normativa penale. Una persona è stata sorpresa a notte inoltrata mentre, a bordo della propria auto, andava alla ricerca di fauna selvatica illuminando i prati adiacenti alla strada provinciale nei pressi dell’abitato di Terenzo. Il soggetto accortosi della presenza del personale della Polizia Provinciale, tentava una precipitosa fuga che però si concludeva dopo pochi chilometri.
 
Una volta fermato all’interno della vettura è stata rinvenuta una carabina a canna rigata di calibro vietato per l’esercizio venatorio, (ancora contenente il bossolo di una cartuccia esplosa) munita di ottica di precisione e dispositivo d’illuminazione del bersaglio. L’individuo alla guida del mezzo e proprietario dell’arma tentava di giustificarsi agli Agenti asserendo di essere stato alla ricerca di gatti e volpi per abbatterli. A prova di questo l’uomo dichiarava di aver sparato ad un gatto, che effettivamente veniva recuperato sulla scorta delle sue indicazioni al limitare di un bosco e di un campo coltivato.

Immediato il sequestro della carabina e della carcassa del gatto, la contestazione alla persona delle ipotesi di reato per aver cagionato senza necessità la morte di un animale domestico di cui all’art. 544-bis del Codice penale, aver svolto attività venatoria, in giornata di silenzio venatorio, ed aver utilizzato armi vietate come previsto dalla normativa nazionale per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento