Terremoto, nuova scossa di 4.4 alle ore 17.01: sentita a Parma

Scossa di terremoto di magnitudo 4.4 alle ore 17.01 tra le province di Lucca e Massa, avvertita anche a Parma. I comuni più vicini all'epicentro sono quelli di Casola in Lunigiana (Massa Carrara), Giuncugnano, Minucciano, Piazza al Serchio e Vagli di sotto (Lucca)

Crolli in Lunigiana

Scossa di terremoto di magnitudo 4.4 tra le province di Lucca e Massa, avvertita anche a Parma. La profondità è stata di 9.5 chilometri. Secondo l'Ingv, i comuni più vicini all'epicentro sono quelli di Casola in Lunigiana (Massa Carrara), Giuncugnano, Minucciano, Piazza al Serchio e Vagli di sotto (Lucca). La scossa di magnitudo 4.4 con epicentro sulle Alpi Apuane si è estesa alla Garfagnana, in provincia di Lucca, ed è stata percepita anche in altre città della Toscana, tra cui Firenze. Per ora non è stato segnalato nessun danno. 

570 SCOSSE IN TRE GIORNI. Finora sono stati più di 570 gli eventi sismici rilevati da venerdì scorso a oggi in Lunigiana secondo quanto si ricava dal sito dell'Istituto nazionale di geofisica e Vulcanologia (Ingv) che monitora i terremoti. Intanto, dopo la forte scossa di 4.4 di oggi pomeriggio ha deciso di recarsi a Fivizzano, uno degli epicentri del terremoto in Lunigiana, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che già stasera sarà nel centro colpito dal sisma. Anche il responsabile della protezione civile regionale, Antonino Melara, ha deciso di tornare a Fivizzano per verificare la situazione. Nella zona colpita dal sisma si sono recati anche il referente della colonna mobile regionale Alessandro Guarducci, e i referenti delle associazioni di volontariato che fanno parte del Comitato operativo regionale del volontariato (Corv). Domani sarà a Fivizzano il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, Erasmo D'Angelis, per incontrare (alle ore 12) i Sindaci e la Protezione civile

REGGIO EMILIA, CROLLA UN CORNICIONE. La forte scossa di terremoto registrata poco dopo le 17 con epicentro nella vicina Lunigiana é stata avvertita anche a Reggio Emilia e provincia. E' iniziata subito la verifica per accertare eventuali danni. Un cornicione è crollato in un paese dell'Appennino. Dai comandi dell'Arma dei carabinieri dislocati in città e provincia, su disposizione del Comandante Provinciale, Colonnello Paolo Zito, sono state attivate le pattuglie per compiere le verifiche e garantire l'eventuale assistenza ai cittadini. Secondo un primo resoconto i danni - per ora - appaiono limitati al comune di Villa Minozzo, nell'Appennino reggiano e nessuna persona risulta essere stata ferita. In particolare nel frazione Case Balocchi è crollato il cornicione di una vecchia casa non abitata. Fortunatamente in quel momento in strada non passava nessuno. I Carabinieri hanno circoscritto la zona mettendola in sicurezza in attesa dei Vigili del Fuoco, chiamati per le verifiche. Sono ancora in corso nell'intera provincia, ed in particolare nei comuni del comprensorio montano, ulteriori verifiche a cura dei carabinieri reggiani coordinati dalla Prefettura di Reggio Emilia.

CASOLA, PRIMI SGOMBERI. E intanto il sindaco di Fivizzano, Paolo Grassi, ha firmato le prime ordinanze di sgombero delle abitazioni lesionate dalla scossa di terremoto di magnitudo 5.2 di venerdì. Tra Casola e Fivizzano, secondo quanto si apprende, dopo i primi controlli dei vigili del fuoco, le famiglie fatte evacuate dalle proprie case sono otto. "Ma i controlli dei nostri tecnici - spiega Grassi - inizieranno solo stamani e proseguiranno"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SCOSSA ALLE 15.13. Un terremoto di magnitudo 3.8, a 9,7 km di profondità, è stato registrato dall'Ingv alle 15.13 nel distretto sismico delle Alpi Apuane tra le province di Massa Carrara e Lucca. Finora è la scossa più intensa, di una serie di otto, che oggi ha colpito Lunigiana e Apuane. I comuni più prossimi all'epicentro sono Casola (Massa Carrara), Giuncugnano e Minucciano (Lucca). Le precedenti scosse si erano attestate intorno a magnitudo 2.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento