menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza, il sindaco di Fontevivo propone di controlli nei luoghi del culto islamico

E’ questa la richiesta che Tommaso Fiazza, sindaco leghista di Fontevivo estende a tutti i primi cittadini della Provincia di Parma invitandoli a riunirsi per manifestare ai responsabili della sicurezza la preoccupazione del territorio e per proporre alcune particolari misure di prevenzione

“Riunire i sindaci della Provincia di Parma e, insieme a loro, incontrare il Prefetto e il Questore per fare il punto sulla situazione e della sicurezza nei territori parmigiani”. E’ questa la richiesta che Tommaso Fiazza, sindaco leghista di Fontevivo estende a tutti i primi cittadini della Provincia di Parma invitandoli a riunirsi per manifestare ai responsabili della sicurezza la preoccupazione del territorio e per proporre alcune particolari misure di prevenzione quali, ad esempio: l’aumento dei presidi di militari, l’aumento degli organici delle forze dell’ordine e maggiori controlli in tutti i luoghi dove si pratica anche in via occasionale il culto islamico.

“La situazione della sicurezza interna nei nostri territori – scrive Fiazza ai colleghi sindaci che hanno già iniziato a rispondere positivamente alla sua lettera -, già problematica per la grande diffusione di fenomeni criminali quali furti, rapine, risse e violenze varie che non si sta riuscendo a ridurre entro i margini di tollerabilità, desta ancora più preoccupazione alla luce della recrudescenza del terrorismo islamico manifestatasi con gli attentati di Parigi di venerdì 13 novembre”. “In provincia di Parma – attacca - sono infatti presenti alcuni obiettivi militari sensibili e, come dimostrano le recenti perquisizioni attuate nell’ambito di indagini internazionali anche nella nostra provincia, vi è il pericolo attuale che nella nostra comunità si nascondano estremisti pronti a colpire come in Francia. Ritengo pertanto necessario che anche in questa zona si alzi il livello d’allarme e si intensifichi l’azione di prevenzione contro il terrorismo islamico”.

“Per questo – spiega - mi voglio fare promotore dell’iniziativa di incontrare al più presto, assieme a quelli di voi che la vorranno condividere, Prefetto e Questore, per manifestargli la nostra preoccupazione e proporgli alcune particolari misure di prevenzione sul nostro territorio quali, ad esempio: aumento dei presidi di militari, aumento degli organici delle forze dell’ordine, maggiori controlli in tutti i luoghi dove di pratica anche in via occasionale il culto islamico”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 84 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Parma potrebbe passare in zona gialla dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento