menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condannato per terrorismo chiede lo status di rifugiato: fu arrestato a Parma nel 2003

Il 46enne iracheno M.M. ha scontato la condanna e ora dovrà lasciare il territorio italiano entro sette giorni

E' uscito dal carcere dopo aver scontato due condanne definitive per terrorismo internazionale e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina ed ora il 46enne iracheno M.M. dovrà lasciare volontariamente il territorio italiano entro sette giorni. L'uomo, arrestato a Parma nel 2003 perchè sospettato di essere vicino ad un gruppo jihadista e perchè, secondo l'accusa, avrebbe fornito supporto logistico, documenti falsi ed alloggio a decine di cittadini provenienti da Pakistan, Egitto, Iren, Marocco e Turchia: lo scopo del reclutamento come foreign fighters non è stato dimostrato ma M.M. fino al 2013 ha scontato una condanna per terrorismo internazionale perchè  si occupava dell’approvvigionamento di documenti falsi e dell’accoglienza di volontari per la jihad reclutati in Europa. Dopo il carcere il 46enne è finito nel Cie di Brindisi e da ieri è libero con l'ordine di espulsione dal territorio italiano: aveva presentato domanda di protezione internazionale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento