rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca San Leonardo / Via Burla

Terrorismo, prelevato il Dna ai detenuti del carcere di via Burla

Lo prevede il regolamento attuativo di una legge del 2009, entrata in vigore il 10 giugno, per contrastare i fenomeni della migrazione illegale e transfrontaliera

Prelievo del Dna ai detenuti rinchiusi nelle carceri italiane. Lo prevede il regolamento attuativo della legge del 30 giugno 2009, che ha istituito la Bnaca Dati Nazionale del Dna presso il Dipartimento di Pubblica Sicurezza e il Laboratorio Centrale presso il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria. Il 10 giugno, stesso giorno dell'entrate in vigore delle nuove regole antiterrorismo il prelievo è stato effettuato ai detenuti del carcere di via Burla. 

"In data 10 giugno 2016 -si legge in una nota del Sappe- il giorno stesso dell’entrata in vigore del regolamento attuativo (D.P.R. 7 aprile 2016, n. 87) della legge 30 giugno 2009, n. 85, che ha istituito la Banca Dati Nazionale del D.N.A presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza e il Laboratorio Centrale per la Banca Dati Nazionale del D.N.A, presso il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, nel laboratorio annesso agli Istituti Penitenziari di Parma è stato effettuato il primo prelievo del campione biologico da parte del personale della Polizia penitenziaria adeguatamente e specificamente formato per questa attività.

Il Personale del Comando di Polizia Penitenziaria di Parma, ha svolto le operazioni di prelievo con professionalità ed accuratezza e hanno portato a compimento l’intera procedura con esito positivo. Con la legge 30 giugno 2009, n. 85 l’Italia ha aderito al Trattato di Prum concluso il 27 maggio 2005 ai fini della cooperazione transfrontaliera per contrastare terrorismo, criminalità transfrontaliera e migrazione illegale. Come in altri Paesi, anche l’Italia dispone quindi di un unico database nazionale del D.N.A. a carattere interforze, finalizzato a facilitare l’identificazione degli autori dei delitti e delle persone scomparse. Un ulteriore contributo alla lotta alla criminalità da parte del Corpo di Polizia Penitenziaria".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo, prelevato il Dna ai detenuti del carcere di via Burla

ParmaToday è in caricamento