menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ti ammazzo", picchia la moglie e la minaccia di morte davanti ai figli: arrestato 50enne

La donna ha denunciato l'ex marito, che viveva ancora a casa in attesa del divorzio, cinque volte dal 2017: l'ha presa per la gola e sono scattate le manette

"Ti ammazzo", "Ti uccido" e poi le botte, pesanti e ripetute, anche davanti ai tre figli. Una donna di circa 50 anni è stata vittima per quasi due anni del suo aguzzino, l'ex marito dal quale si era separata ma che viveva ancora in casa in attesa del divorzio. Maltrattamenti, violenza psicologica e fisica e minacce, spesso di morte. La violenza dell'uomo si è riversata anche contro il figlio più grande che si è messo in mezzo e ha rimediato un pugno in faccia dal padre. Un'altra storia di violenza che arriva da Montechiarugolo: i carabinieri, che dal 2017 sono intervenuti nell'appartamento una decina di volte hanno arrestato l'uomo durante l'ennesimo pestaggio ai danni dell'ex moglie, evitando conseguenze peggiori.

Il 50enne ha opposto resistenza ai militari ed è stato denunciato: poco prima aveva scagliato la moglie contro il muro, mettendole una mano sulla gola, dopo aver preso a pugni il figlio 30enne. Era il 9 dicembre e l'ex marito, che era rimasto fuori casa senza chiavi, si era messo a prima a danneggiare la porta e poi a dormire davanti alla soglia di casa.

La donna lo ha denunciato per l'ennesima volta e lui è finito in carcere. Dopo le precedenti denunce lei lo aveva perdonato, riaccogliendolo in casa insieme ai figli. Il 50enne, disoccupato e spesso ubriaco, prendeva di mira la donna con maltrattamenti, minacce e veri e propri pestaggi. Conscio di avere un problema con l'alcol era seguito dal Sert ma non era ancora riuscito a smettere di bere. La donna invece si era rivolta al Centro Antiviolenza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento