menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tirreno-Brennero, M5s: "Soddisfatti per la messa in discussione dell'opera"

"Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle -si legge in una nota- esprime soddisfazione per la rimessa in discussione di un’opera anacronistica come la Ti-bre. Già in passato avevamo preso posizione in maniera netta contro quest’opera per diversi motivi"

"Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle -si legge in una nota- esprime soddisfazione per la rimessa in discussione di un’opera anacronistica come la Ti-bre. Già in passato avevamo preso posizione in maniera netta contro quest’opera per diversi motivi.

Ciò che è importante sottolineare, è quanto quest’opera sia nei fatti già superata. Basta vedere i dati catastrofici della recentissima autostrada Bre-Be-Mi, diventata emblema dello sperpero dei denari pubblici. Due miliardi e mezzo per un autostrada che nessuno vuole percorrere, a cui qualcuno vorrebbe aggiungerne altri tre per la Ti-Bre. Sarebbe davvero paradossale che, mentre nelle città si limita la viabilità alle auto più inquinanti, si incentivi il trasporto su gomma attraverso l’ennesima autostrada. Un’autostrada che avrebbe un impatto enorme non solo per quanto riguarda l’inquinamento dell’aria, ma anche e soprattutto per l’erosione di territorio agricolo. Siamo la food valley e qualcuno ancora pensa che il modello di sviluppo si debba fondare sul cemento.

Che il futuro non sia su gomma, ma su rotaia, è ormai evidente dagli investimenti che vengono fatti in ogni parte d’Europa. Ciò che servirebbe al nostro territorio è la possibilità di spostare parte dei flussi, sia di merci che di persone, dalle auto alla ferrovia, rafforzando la rete esistente. E proprio nel corridoio in cui si dovrebbe insediare la Ti-Bre - da Parma a La Spezia - gli investimenti sarebbero non solo utili, ma necessari.

Dispiace vedere come di fronte alla capacità della regione di fermarsi e valutare tutti questi aspetti, rimettendo in discussione scelte provenienti del passato, i partiti abbiano risposto compatti in maniera contraria. Succede quindi che le posizioni del PD locale e della Lega coincidano fra loro. Questo a dimostrazione della loro idea di sviluppo del territorio, pericolosamente rivolta al passato, mentre il mondo va in un’altra direzione. Noi del Movimento 5 Stelle siamo invece soddisfatti che per una volta ci sia la volontà di fermare uno spreco di denaro. Il futuro non può più passare da colate di cemento che portano benefici ai soliti noti. Non vediamo in questo dietro-front un declassamento del nostro territorio perché siamo in grado di immaginare e proporre un’idea alternativa di sviluppo da proporre alla regione. E i partiti sono in grado?"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 73enne ha un malore dopo il vaccino Pfizer

  • Attualità

    Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento