menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I lavori in corso a Ronco Campo Canneto

I lavori in corso a Ronco Campo Canneto

Tibre, Fabrizio Savani: "Il Governo verifichi la legittimità dei lavori"

Dopo la netta presa di posizione della Commissione Ambiente del Comune di Parma, il consigliere comunale Fabrizio Savani del Movimento 5 Stelle ha chiesto ufficialmente,, l'11 marzo, risposte alle Autorità competenti su una serie di punti problematici

Tirreno-Brennero. Dopo l'inizio dei lavori a Ronco Campo Canneto, con il posizionamento dei paletti che delimitano il tracciato della futura autostrada in assenza dei cartelli di descrizione dell'intervento scatta la polemica politica. Se i Comitati si sono riuniti a Piadena per cercare di fare fronte comune per una strategia di opposizione la politica si comincia a muovere. Dopo la netta presa di posizione della Commissione Ambiente del Comune di Parma, il consigliere comunale Fabrizio Savani del Movimento 5 Stelle ha chiesto ufficialmente,, l'11 marzo, risposte alle Autorità competenti su una serie di punti problematici. 

SAVANI: "TIBRE, FUTURO DISASTRO AMBIENTALE?'- L’11 marzo 2015 ho chiesto a Renzi come capo del Governo di ripensare urgente il progetto sulla Ti-bre ovvero il raccordo autostradale tra l’Autostrada della Cisa A15 e del Brennero e di verificare la legittimità dei lavori in corso a Trecasali (Parma). L’ho fatto come Presidente della Commissione Consiliare Lavori Pubblici e Ambiente, del Comune di Parma. Il Comune ha svolto un’istruttoria del progetto del “corridoio autostradale” per garantire la tutela degli interessi collettivi. Ad ottobre 2014 il Dipartimento di Ingegneria Civile, dell’Ambiente, del Territorio e Architettura ha trasmesso al Comune un parere tecnico che evidenzia la non necessità e non utilità della Variante alla SP 10 per Viarolo. Si è quindi visto che il progetto della Variante non risolve la mancanza di dotazioni di sicurezza stradale per Viarolo sia per le dotazioni infrastrutturali per la mobilità debole, quali marciapiedi e piste ciclopedonali sia per la protezione dell’abitato dagli effetti generati dalla nuova autostrada. Il corridoio autostradale attraversa l’ Area vasta Viarolo nei territori dei Comuni di Parma, Fontanellato, Fontevivo, Trecasali e S. Secondo P.se dove sono interrati 5 milioni di m cubi di rifiuti depositati fra gli anni 70 e gli anni 90. Inoltre nella zona non dimentichiamo che sono presenti le risorgive di Viarolo una zona molto importante dal punto di vista naturalistico e tutelato a livello comunitario. 

Ho chiesto in sintesi di rivedere completamente il progetto in quanto trattasi di opera infrastrutturale inutile e diseconomica e che non verrà mai completata perché priva di idonea copertura finanziaria, rivalutare l’aumento del rischio gravissimo sia per l’ambiente sia per la salute dei cittadiniderivante dall’esecuzione di questa opera inutile, verificare la legittimità dei lavori in corso presso Ronco Campo Canneto nell’Area delle risorgive di Viarolo, stralciare l’opera della Variante di Viarolo e la conversione in una soluzione alternativa meno impattante e composta da: interventi per una nuova dotazione per la mobilità, messa in sicurezza della “discarica” nell’Area vasta di Viarolo. Questa richiesta è stata inoltrata fra gli altri anche: Al Presidente della Regione Emilia Romagna – Stefano Bonaccini, al Presidente del Consiglio dei Ministri e del Cipe Matteo Renzi, al Ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio – Gianluca Galletti, al Ministro delle Infrastrutture e trasporti – Maurizio Lupi, al Presidente della Commissione Ambiente – Camera Deputati – Ermete Realacci, al Commissario Europeo per l’Ambiente Karmenu Vella. Hanno firmato insieme a me anche i colleghi Buzzi, Dall’Olio, Pellacini, Zioni". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento