Traiettorie: concerto dell’ex novo ensemble

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Prosegue la XXIII edizione della Rassegna Internazionale di Musica Moderna e Contemporanea Traiettorie, che giovedì 3 ottobre alle 20.30 ospiterà alla Casa della Musica l'Ex Novo Ensemble. Il gruppo veneziano tratteggerà un programma nel quale il rapporto fra avanguardia e linguaggi tradizionali diventa decisamente costitutivo. I sei autori proposti, Rihm, Togni, Ambrosini, Rastelli, Gervasoni e Vivier, sono infatti legati da un diverso approccio ai linguaggi. Il caso di Wolfgang Rihm e di «Über die Linie VI» del 2004 è persino il più macroscopico: il pezzo sembra una composizione romantica resa caotica dalle linee melodiche degli strumenti, ma è proprio nella trasformazione di quelle linee in fasci di energie che va interpretata la modernità di Rihm travestita da semplicità antica. Usano approcci che sembrano rievocare linguaggi antichi anche Camillo Togni nel «Ricercare» op. 28b, scritto nel 1947 ma riscoperto da Ex Novo ed eseguito in prima assoluta nel 2012, in cui la musica del tempo di Bach viene riletta sulla base delle abitudini d'ascolto maturate negli ultimi due secoli, o l'«Erbario spontaneo veneziano» (2011-2012), un gustoso album di pezzi con il quale Claudio Ambrosini, uno dei fondatori di Ex Novo Ensemble, disegna il mondo vegetale minuto che cresce spontaneo fra le crepe dei muri veneziani attraverso studi di melodie, ritmi e timbri.

Una prima assoluta è quella proposta da Ex Novo con un pezzo di Claudio Rastelli basato su scontri timbrici e dinamici che creano attese e sospensioni, proprio come in un pezzo classico, ma poi deviano verso altri rapporti di forze che spetta all'ascoltatore decrittare. Allo stesso modo Stefano Gervasoni, uno che del confronto col passato ha fatto una propria bandiera, studia nella recente «Sonatinexpressive» le vie di fuga dal linguaggio classico, e l'espressività proprio nella fuga dall'espressività. Infine Ex Novo eseguirà un pezzo di un compositore scomparso drammaticamente nel 1983 ma di tale originalità da attirare l'interesse di Stockhausen, suo maestro, e di Ligeti: Claude Vivier con «Paramirabo» ha scritto un pezzo apparentemente ingenuo e tradizionale, ma senza accorgersene ascoltandolo si viene trascinati quasi in una dimensione incantatoria, il che conferma che non c'è fine allo sviluppo della tradizione.

Biglietti in vendita alla Reception della Casa della Musica (P.le San Francesco 1, tel. 0521 031170) dalle 10 del giorno stesso del concerto; prenotazione telefonica presso Fondazione Prometeo (tel. 0521 708899 - 348 1410292): i biglietti prenotati telefonicamente si potranno ritirare la sera stessa del concerto presentandosi con utile anticipo.

Traiettorie è promossa da Fondazione Prometeo col sostegno di: Comune di Parma - Assessorato alla Cultura, Istituzione Casa della Musica, Provincia di Parma, Regione Emilia-Romagna, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo, Teatro Regio di Parma, Fondazione Monte di Parma, Banca Monte Parma, Chiesi Farmaceutici, Symbolic, Astoria Residence Hotel, ristorante "Il Trovatore" di Parma, Tipocrom. Media partner: Rai Radio3.

Torna su
ParmaToday è in caricamento