menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia

Polizia

Tratta di clandestini dalla Tunisia: 'banda' con base a Parma: 4 arresti

Gli agenti della Squadra Mobile hanno concluso un'operazione avviata a marzo, un gruppo di persone si ritrovava in una kebaberia di via Garibaldi per organizzare i traffici per l'Italia e verso altri Paesi

E' terminata con l'arresto in flagranza di quattro persone e due ordinanze di custodia cautelare eseguite in carcere l'indagine avviata a marzo dalla Squadra Mobile di Parma e relativa ad un gruppo di persone che si occupava di organizzare l'arrivo di persone extracomunitarie senza documenti nella nostra Penisola, dalla rotta della Turchia, e di farne espatriare altri dall'Italia verso altri Paesi dell'Unione Europea. Tre tunisini, tra cui due fratelli, sono finiti in manette con l'accusa di essere gli organizzatori della tratta di clandestini. I reati contestati sono il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, il falso e la simulazione di reato.

Ci sono tredici indagati in tutta Italia, compresa un'avvocatessa del foro di Parma che, secondo l'accusa, avrebbe organizzato matrimonio di convenienza tra alcuni extracomunitari e donne italiane, allo scopo di fare ottenere ai primi la cittadinanza. La base del gruppo era la kebaberia 'Sapori Mediterranei' in via Garibaldi a Parma, misteriosamente chiusa qualche giorno dagli agenti della Questura. Ora, dopo gli arresti, gli inquirenti hanno rivelato il perchè di quella chiusura forzata.


Le indagini sono partite dopo che la Polstrada di Imperia, nel marzo scorso, aveva bloccato sull'autostrada Genova- Ventimiglia un furgone diretto in Francia con otto tunisini clandestini; l'autista era scappato scavalcando la rete di protezione. Pochi giorni dopo sullo stesso tratto era stata bloccata una vettura con altri quattro clandestini, provenienti da Parma. Le indagini hanno permesso di scoprire un traffico di esseri umani, che aveva il fulcro nella città emiliana: il tragitto, tramite paesi islamici, portava all'Italia attraverso l'Austria o la Slovenia. In agosto, poi, al valico di Trieste era stato bloccato un furgone con 12 clandestini, legato ad una kebaberia di Parma

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento