Tremila euro per un diploma falso: perquisizioni anche a Parma

Tutti i dettagli della maxi inchiesta portata avanti dai carabinieri

Coinvolge anche Parma la maxi operazione, scattata nei giorni scorsi, nell’ambito dell’inchiesta avviata per fare luce su un presunto giro di affari legato al conseguimento facilitato di diplomi. Secondo le ipotesi investigative, portate avanti dai carabinieri di Agripoli, in provincia di Salerno ci sarebbero voluti anche tremila euro per un diploma. 

Nelle giornate di lunedì 23 e martedì 24 settembre, sono state effettuate 340 perquisizioni che hanno interessato numerose province. Oltre a Parma gli accertamenti hanno toccato anche le province di Caserta, Napoli, Avellino, Benevento, Udine, Biella, Vicenza, Verona, Torino, Brescia, Asti, Lecco, Mantova, Novara, Varese, Milano, Monza, Como, Imola, Bologna, Bergamo, Genova, La Spezia, Reggio Emilia, Modena, Lucca, Perugia, Cuneo, Chieti, Firenze, Prato, Roma, Viterbo, Potenza, Cosenza, Reggio Calabria, Trapani Cagliari, Roma e Rieti. 

Dalle indagin, è emerso che alcuni istituti scolastici con sede a Castellabate, in provincia di Salerno, si prodigavano per il conseguimento facilitato di diplomi. Secondo quanto emerso dalle indagini, esisteva una struttura piramidale i cui componenti provvedevano, al costo di 3000 euro, alla consegna di diplomi con pergamene e attestati contraffatti, falsificando anche i verbali di esame. 

Si ipotizza che il giro d'affari dell'intera organizzazione si aggiri intorno al milione di euro. Al vaglio dell'autorità giudiziaria ci sono le singole posizioni per le valutazioni del caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione: ecco quando ci si può spostare da un comune all'altro per fare spesa

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

Torna su
ParmaToday è in caricamento