Treni. Linea Suzzara-Parma, il Comitato: "I viaggi sono odisee"

Disagi sulla linea Suzzara-Guastalla-Parma. Il Comitato Viaggiatori della linea ferroviaria Suzzara-Guastalla-Parma ha scritto una lettera al Ministero delle Infrastrutture, all'assessore regionale ai Trasporti Alfredo Peri

Disagi sulla linea Suzzara-Guastalla-Parma. Il Comitato Viaggiatori della linea ferroviaria Suzzara-Guastalla-Parma ha scritto una lettera al Ministero delle Infrastrutture, all'assessore regionale ai Trasporti Alfredo Peri, al sindaco e all'assessore all'Ambiente del Comune di Parma. "Con la presente -si legge nella lettera- è ferma volontà del Comitato Viaggiatori denunciare ancora una volta le manchevolezze croniche del servizio ed i conseguenti disagio e nocumento per l’utenza.

"Durante i sette anni di chiusura della linea ferroviaria nella tratta Brescello-Parma, a causa dei lavori TAV in ingresso alla stazione di Parma, l’utenza ha subito le sistematiche disfunzioni di un trasporto combinato treno/autobus oltremodo disarticolato ed improvvido. Alla riapertura completa della linea stessa, il 13/09/2010, ad un anno, circa, dal termine dei lavori TAV, le condizioni del trasporto passeggeri si sono connotate in tutta la loro precarietà esprimendo un oggettivo livello di qualità del servizio inferiore a quello dei decenni precedenti la chiusura summenzionata.

Ciò, in quanto non si era fatto tesoro del lungo periodo di chiusura della linea per realizzare: miglioramenti infrastrutturali fra cui, il riallineamento dei binari su tutta la linea, la funzionalità dei passaggi a livello, il ripristino di sala d’attesa e servizi igienici in tutte le stazioni; rinnovazione del materiale rotabile; sistema di controllo centralizzato del traffico.

In questo quadro deficitario, in gran parte perdurante, si segnalano, in particolare, le seguenti problematiche condizioni cui associare cronici e dannosi disservizi e disagi: treni per lo più obsoleti: in assenza di adeguate manutenzioni sono soggetti a frequenti rotture di vario genere che provocano soppressioni non prevedibili; treni sporchi, in spregio alle più elementari norme igieniche ed alla dignità dell’utenza; mancanza di sala d'attesa e dei servizi igienici nella maggior parte delle stazioni; mancanza di avvisatori acustici e/o visivi nella maggior parte delle stazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il servizio telefonico Chiamatreno, istituito per sopperire, nei frequenti casi di mancato arrivo/partenza del treno, all’assenza di questi avvisatori, risulta inaffidabile in quanto, per lo più, non funziona o dà informazioni completamente errate e comunque non ne fornisce alcuna circa la disponibilità di autobus sostitutivi, da prevedersi in queste circostanze; il numero telefonico unico 840151152, che si potrebbe usare in alternativa al servizio Chiamatreno, è attivo solo dalle 08:00 alle 17:00 ed, anch'esso, molte volte, dà informazioni non corrette. autobus sostitutivi obsoleti e di scarsa affidabilità, inadeguati ai percorsi di linea in quanto di categoria turistica; assoluta mancanza di chiarezza nell’indicazione dei luoghi in cui gli autobus sostitutivi devono effettuare le fermate, in caso di soppressione del treno.

Quanto sopra è causa di innumerevoli ed insopportabili disagi soprattutto per i ritardi con cui si arriva a scuola o sul posto di lavoro, in quest’ultimo caso, con spiacevoli conseguenze anche di natura economica. Nelle ultime settimane i treni della mattina hanno subìto continui ritardi o soppressioni (con la frequenza di un grave ritardo o di una soppressione un giorno su due). I nostri viaggi sono ormai diventati delle vere e proprie odissee: non sappiamo se partiamo, quando partiamo, se arriveremo e quando arriveremo. Siamo esausti ed esasperati da questa ingiustificabile situazione che si protrae ormai da troppo tempo. Denunciamo questo cronico disservizio, per l’ennesima volta, agli Amministratori pubblici ed, altresì, a tutti coloro che vorranno sostenere ed amplificare le nostre rimostranze e le nostre azioni per porre finalmente rimedio a questo insostenibile degrado della linea Suzzara-Guastalla-Parma".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • I rinforzi di Liverani, le trattative, la linea Krause: sullo sfondo il derby

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento