Ferrovie, treni fermi sulla Parma-Fornovo dal 2 all'8 gennaio

L'interruzione per procedere all'eliminazione di quattro passaggi a livello sulla linea Pontremolese Parma-La Spezia. I collegamenti saranno garantiti da Trenitalia con un servizio di autobus

Treno

Attività propedeutiche all' eliminazione di quattro passaggi a livello sulla linea Pontremolese Parma-La Spezia. Per consentire le operazioni di spinta sotto i binari di tre monoliti prefabbricati, che costituiranno la canna di altrettanti nuovi sottopassaggi, da lunedì 2 a domenica 8 gennaio la circolazione ferroviaria sarà sospesa fra le stazioni di Parma e Fornovo. I collegamenti fra Parma, Fornovo e le stazioni intermedie saranno garantiti da Trenitalia con un servizio di autobus, i cui orari saranno resi noti nei prossimi giorni. La realizzazione dei sottopassi e della viabilità di raccordo permetterà la definitiva eliminazione di quattro passaggi a livello, di cui tre nel comune di Parma (frazione di Vicofertile), in via Bergonzi, via Roma e Carraia Baracchi, e uno nel comune di Collecchio. L'apertura dei sottovia al traffico veicolare è programmata entro l'estate 2012. L'intervento, a cura di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo Fs), rientra nell'ambito dell'eliminazione di quindici passaggi a livello, di cui cinque nel comune di Parma e dieci in quello di Collecchio, per un investimento di 11 milioni 800 mila euro.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Bimba di sei anni muore per meningite

Torna su
ParmaToday è in caricamento