Truffa gli anziani, preleva 20 mila euro: 43enne parmigiana in manette

M.C. è ora ai domiciliari per aver truffato diverse persone anziane. Fingendo di aiutarle era riuscita a sottrarle il bancomat e ad effettuare 117 prelievi. Aveva incassato anche 2 assegni. Decisiva la denuncia del fratello

Si offriva per aiutare gli anziani in difficoltà nel suo quartiere, nelle immediate vicinanze del centro storico la parmigiana di 43 anni arrestata nel fine settimana scorso per truffa e ora ai domiciliari. La donna, M.C., era riuscita a effettuare nell'ultimo periodo ben 117 prelievi bancomat per un valore di 22 mila euro. La truffa emersa a seguito della denuncia presentata il 14 marzo 2012 da un'anziana di 90 anni che segnalava come i prelievi fossero stati effettuati da una carta che lei non utilizzava da tempo.

La donna si era accorta dell'ammanco dopo essersi recata presso la sua banca per un prelievo e li la notizia dell'assenza di soldi nel suo conto. Come se non bastasse, dall'analisi dell'estratto conto della vittima è emerso che la truffatrice aveva incassato anche due assegni utilizzati poi in un supermercato. La prova è stata fornita anche dalle immagini della videosorveglianza dello sportello bancomat.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per individuare la donna è stata fondamentale anche la denuncia di un 44enne il 6 luglio 2012, residente nel medesimo palazzo dell'anziana che aveva presentato denuncia. L'uomo ha dichiarato la sottrazione e l'utilizzo di assegni del valore di 500 euro l'uno. Altra denuncia nel maggio 2012, quando un anziano di 75 anni ha dichiarato la sottrazione di due blocchetti di assegni utilizzati nello stesso supermercato.

L'uomo è titolare di un'attività nei pressi del palazzo di residenza delle due vittime. L'indizio che ha poi inchiodato M.C. la denuncia sporta da suo fratello, per il sospetto che qualcuno avesse effettuato 19 prelievi con il suo bancomat. Per i reati di furto in abitazione aggravato e continuato, falsità materiale e in scrittura privata e uso fraudolento e continuato di carte di credito la donna è stata arrestata il 29 gennaio scorso. Ora sconterà la pena ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento