menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Noi, truffati dopo aver pagato 1.600 euro per un appartamento a Cesenatico"

E' il secondo caso dopo quello della coppia di Felino: le indagini sono in corso per identificare gli autori delle truffe online, che potrebbero essere gli stessi

Una vacanza di cinque settimane, programmata da tempo, con la figlia e i genitori, per rilassarsi al mare dopo i mesi di lockdown. La destinazione era Cesenatico, la coppia aveva infatti pagato l'anticipo per un appartamento di grandi dimensioni. Dopo il pagamento la persona che aveva sottoscritto il contratto si è resa irreperibile e da oltre una settimana non è raggiungibile, nè per email nè telefonicamente. La famiglia truffata ha presentato denuncia ai carabinieri. E' il secondo caso di truffa che riguarda la stessa località balneare ma, probabilmente, ce ne sono altri. Gli autori delle truffe potrebbero essere le stesse persone. 

Lei e la sua famiglia avete pagato un anticipo di 1.600 euro per un appartamento a Cesenatico

"Io e la mia famiglia abbiamo deciso di concederci una vacanza a Cesenatico. L'idea era di trascorrere un periodo di cinque settimane al mare. Abbiamo prenotato e sottoscritto un contratto con una persona che, visto quello che è poi successo, presumo fosse un nome falso. Abbiamo dato un anticipo di 1.600 euro di anticipo per un appartamento di grosse dimensioni. Avevamo infatti deciso di andare in vacanza tutti insieme: io, mio marito e mia figlia, insieme ai miei genitori". 

Cos'è successo dopo il pagamento dell'anticipo? 

"Dopo il pagamento dei 1.600 euro la persona che ha sottoscritto il contratto si è resa irreperibile: da oltre una settimana non è più raggiungibile nè per telefono nè via mail. Ho presentato denuncia ai carabinieri che ora stanno indagando per identificare la persona che ha sottoscritto il contratto. Non credo che riuscirò a recuperare i soldi, purtroppo".

Vi siete accorti della truffa prima di partire per la vacanza? 

"Si, per fortuna ce ne siamo accorti prima. Dopo aver cercato di parlare per giorni con la persona che aveva sottoscritto il contratto  per aver dettagli sulla nostra vacanza ho telefonato allo stabilimento balneare che avrebbe dovutoi essere convenzionato. Ovviamente non c'era nessun accordo e mi hanno anche detto che altre quattro persone - che si trovavano da loro - erano state truffate".   

Sperate di riuscire ad andare in vacanza e di recuperare i soldi? 

"Ora non riusciremo ad andare al mare. Non credo che riusciremo nemmeno ad avere i nostri soldi ma speriamo che le indagini vadano a buon fine. Sono anche preoccupata perchè ho fornito una copia dei nostri documenti e dei dati e temo che possano essere utilizzati per portare a termine altre truffe". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma resta in zona arancione

  • Cronaca

    Esplode una bombola di gas: ferito gravissimo al Maggiore

  • Attualità

    Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento