Finto vaglia postale, casi anche a Parma: donna sventa una truffa

Una donna, che aveva messo un annuncio online per la vendita della sua auto si è accorta di alcune anomalie e ha fatto saltare l'affare sospetto

Si è accorta di alcune anonalie e ha fatto saltare l'affare per la vendita della sua auto. Una donna parmigiana ha sventato una truffa nei suoi confronti, messa in atto da un finto acquirente che l'aveva contattata fingendosi un professionista del settore. La truffa del finto vaglia postale arriva anche a Parma: le associazioni dei consumatori hanno registrato alcuni casi anche nella nostra città. In particolare la donna, che aveva messo online l'annuncio per vendere l'auto è stata contattata da un uomo che ha proposto di versare un anticipo sulla cifra concordata per la vendita. In un primo momento ha detto che avrebbe fatto un bonifico, in un secondo momento invece ha parlato di una vaglia postale, per il quale avrebbe dato un codice alla donna. La parmigiana ha verificato che la procedura per il vaglia non era quella corretta ed ha fatto saltare l'affare. Il truffatore si è reso irreperibile al telefono dopo che la donna lo aveva chiamato per chiedere spiegazioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

Torna su
ParmaToday è in caricamento