Cronaca

Maxi-truffa dei prodotti biologici: 16 arresti, coinvolta anche l'Emilia

L'operazione della Guardia di finanza di Cagliari è arrivata anche nella nostra regione. L'accusa è di false certificazioni per prodotti biologici e fatture per operazioni inesistenti per oltre 135 milioni di euro

False certificazioni per prodotti biologici e fatture per operazioni inesistenti per oltre 135 milioni di euro. E' la maxi truffa nel mercato biologico individuata dai militari della Guardia di finanza di Cagliari che oggi hanno eseguito 16 ordinanze di custodia cautelare, quattro in carcere e 12 agli arresti domiciliari, nei confronti di una organizzazione, che aveva come vertice una azienda di Capoterra, che avrebbe sfornato false certificazioni relative a prodotti biologici, destinati al mercato nazionale ed europeo, senza che i prodotti fossero realmente "bio". In questo modo sarebbero stati piazzati sul mercato prodotti a prezzi elevati, guadagnando sulla differenza di prezzo tra i prodotti biologici e quelli convenzionali. Le ordinanze sono state notificate oltre che in Sardegna, nel Lazio, Marche, Emilia Romagna, Veneto e Puglia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi-truffa dei prodotti biologici: 16 arresti, coinvolta anche l'Emilia

ParmaToday è in caricamento