menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cure palliative e chemio, un’unione che migliora la qualità della vita

enerdì 24 febbraio al Maggiore professionisti a confronto sui trattamenti e le strategie per una presa in carico globale


Sottoporsi alle cure palliative già durante la chemioterapia: un orizzonte di cura per i malati oncologici che apre a una prospettiva di miglioramento della qualità della vita e, in alcuni casi, anche di allungamento della vita stessa. Cambia completamente l’approccio alle cure palliative, fino a oggi destinate solo al momento del fine vita e al controllo del dolore, e introdotte da ora, in fase precoce, per trattare meglio i sintomi e lo stress della malattia. “L’integrazione dell’oncologia con le cure palliative nel paziente oncologico in fase avanzata” è il titolo del convegno che si terrà a Parma venerdì 24 febbraio nella sala Congressi dell’Ospedale. Il responsabile scientifico è Vittorio Franciosi, oncologo dell’Unità operativa Oncologia medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma e responsabile del Programma interaziendale Oncologia. L’appuntamento  costituisce un’occasione di confronto tra gli oncologi, radioterapisti, palliativisti, medici di medicina generale e altre figure professionali coinvolte nelle cure palliative precoci e simultanee alla chemioterapia. Un approccio di équipe multidisciplinare coordinato dal medico oncologo, affiancato dal team per le cure palliative (medico, infermiere, psicologo) e da altri specialisti per capire quando è utile iniziare e fino a che punto è vantaggioso continuare la chemioterapia. La Rete locale delle Cure palliative, prevista dalla normativa nazionale (Legge 38 del 2010) troverà attuazione a livello provinciale con quattro “nodi” a livello di: ospedale, ambulatorio, domicilio e hospice, dove le cure palliative - sia precoci e simultanee alla chemioterapia, che negli stadi finali della malattia - verranno erogate per i pazienti e le loro famiglie.

 
Nel corso del convegno, saranno presentati i risultati dello studio clinico multicentrico, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato da Vittorio Franciosi, sul ruolo delle Cure palliative precoci e simultanee nel paziente oncologico in fase avanzata. Presieduto da Vittorio Franciosi e Francesco Ghisoni, rispettivamente della Oncologia medica del Maggiore e direttore delle Cure palliative dell’Ausl, il convegno è organizzato dalle Aziende sanitarie di Parma con il patrocinio di Università di Parma, Ordine Provinciale dei Medici, Gruppo Oncologico Italiano di Ricerca Clinica (GOIRC), Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e Società Italiana di Cure Palliative (SICP).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 88 nuovi contagi e 4 decessi

  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Attualità

    Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento