Ubriaco danneggia le auto in sosta: poi si sdraia sul tetto di una Lancia Delta

Lo strano episodio è avvenuto stanotte in via Verdi: i poliziotti lo hanno denunciato per danneggiamento aggravato

Un 27enne è stato sorpreso nella notte tra il 30 giugno ed il 1° luglio verso le ore 2.20 mentre si trovava in via Verdi e stava danneggiando alcune auto in sosta. I poliziotti sono arrivati ed hanno visto il giovane, in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all'eccessiva assunzione di sostanze alcoliche, sdraiato sul tetto di una Lancia Delta, parcheggiata in strada, che gridava frasi senza senso. Il giovane è stato accompagnato in Questura ed identificato in M.M. di 27 anni. L'uomo, come riferito dal cittadino che ha chiamato la Polizia, aveva danneggiato, a mani nude e senza motivo, alcune auto in sosta lungo via Verdi. ll giovane è stato denunciato per danneggiamento aggravato e sanzionato per ubriachezza molesta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento