un ciclone di maschere allegoriche invade il centro di parma e la rocca di fontanellato

Sabato 24 e domenica 25 maggio I colori, le tradizioni e la cultura delle Maschere Allegoriche Italiane hanno attraversato le vie del Centro di Parma e invaso la rocca di Fontanellato.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Sabato 24 maggio a Parma, Il ciclone colorato e travolgente formato da 200 maschere provenienti da ogni regione d'Italia e capitanato dallo Dsèvod circondato da 13 "dsevodini" e dalla banda cittadina, è partito dal Parco Ducale per arrivare in Ghiaia.

Ideatore della manifestazione 3 anni fa, la nostra maschera cittadina in collaborazione con il Comitato Maschere Italiane allo scopo di dare evidenza alla cultura, le origini e le tradizioni di un territorio attraverso la propria maschera allegorica.

Il corteo ha effettuato simpatiche tappe cittadine ravvivate da gag e pillole di teatro popolare dove i più digitali hanno potuto immortalarsi in spiritosi "selfie" da condividere on line.

La manifestazione ha avuto inizio giovedì 22 maggio con l'inaugurazione della mostra all'Archivio di Stato dove il curatore e coordinatore dei diversi appuntamenti collaterali dell'evento, il Prof. Marzio Dall'Acqua che ha dato il benvenuto ai presenti.

L'apoteosi dello spettacolo in piazza Ghiaia dove, da un palco allestito per l'occasione, le maschere si sono presentate alla città in un vivace spettacolo. Gianduia, Brighella, Arlecchino, Pulcinella, interpretato dall'attore Carmine Coppola, erede di Eduardo de Filippo, e tanti altri interpreti, sotto la regia del padrone di casa Dsèvod, hanno raccontato le proprie origini sempre strettamente legate a storia e cultura di ciascun territorio. E' stata anche l'occasione per approvare all'unanimità il progetto di creare a Parma il "Centro di coordinamento delle maschere allegoriche italiane" che avrà il compito di valorizzare tradizione e tipicità fino a giungere alla realizzazione di una fiera del prodotto tipico presentato e rappresentato dalle singole maschere.

Domenica 25 maggio l'allegro corteo ha portato folclore ed allegria alla Rocca di Fontanellato. Nell'antico borgo le maschere sono state accolte dal sindaco e dallo spiritoso gruppo di alunni della scuola primaria che si sono esibiti nello spettacolo "Un ballo in maschera" duettando magistralmente con gli attori professionisti.

La manifestazione Maschere Italiane a Parma è stata introdotta e accompagnata da diversi appuntamenti a carattere culturale che rimarranno a disposizione della città fino alla fine giugno:

  • Mostra: per permettere il divertimento delle maschere. Avvisi, grida e documenti dal XVI al XIX secolo presso Archivio di Stato via d'Azeglio 45 (dal 22/05 al 27/06)
  • Mostra: Jacques Callot (1592-1635) I Balli Di Sfessania ed Altro. Incisioni dalla raccolta Massimiliano Ortalli. presso Biblioteca Palatina. (dal 24/05 al 28/06)
  • Mostra: chi non si maschera? Incisioni originali degli artisti dell'Associazione Liberi Incisori, presso Museo Glauco Lombardi. Via Garibaldi 15 (dal24/05 al 29/06)
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento