Università, la Fondazione Cariparma dona un microscopio operatorio per gli oncologici

La Fondazione Cariparma ha donato all’Ateneo un microscopio operatorio per l'effettuazione di interventi volti a risolvere il linfedema degli arti nei pazienti oncologici al gruppo di ricerca del professor Edoardo Raposio

Si è tenuta in data odierna la conferenza stampa per la donazione, da parte della Fondazione Cariparma, di un microscopio operatorio al gruppo di ricerca diretto dal prof. Edoardo Raposio, docente di Chirurgia plastica del Dipartimento di Scienze Chirurgichedell’Ateneo di Parma. All’evento sono intervenuti Vincenzo Vincenti, Pro Rettore per la Sanità dell’Università di Parma, Paolo Andrei, Presidente della Fondazione Cariparma e il prof. Edoardo Raposio alla presenza  del gen. Nedo Lavagi, vice comandante interregionale dell'Arma dei Carabinieri per il Nordest (con sede a Padova), del col. Massimo Zuccher, comandante provinciale dei Carabinieri di Parma e de lDirettore del presidio ospedaliero aziendale dell'Azienda USL di Parma, Leonardo Marchesi.

Il microscopio, del valore di 30.000 €, è utilizzato per l'effettuazione di interventi volti a risolvere il linfedema degli arti nei pazienti oncologici. Tali interventi sono gli unici realizzati in Regione. Il linfedema post-oncologico degli arti rappresenta una patologia frequente e debilitante; si stima che, delle ca. 25.000 pazienti operate per carcinoma mammario all'anno in Italia, approssimativamente un quarto svilupperà tale patologia, permanente, nel decorso post-operatorio, precoce o tardivo. Gli arti interessati diventano pesanti, dolenti, a volte deformi, comunque proni ad infezioni ricorrenti e limitazioni funzionali, compromettendo quindi significativamente, anche dal punto di vista psicologico, la qualità di vita dei pazienti affetti, comportando altresì un costo sanitario non indifferente correlato alla loro gestione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fine dell'intervento microchirurgico è quello di ricostruire, in contemporanea o in seguito all'intervento di linfoadenectomia, il drenaggio linfatico, ottenendo così la risoluzione di tutte le problematiche correlate. Tali tecniche chirurgiche, altamente sofisticate, richiedono, oltre alla presenza di operatori appositamente qualificati, la disponibilità di uno specifico microscopio chirurgico. Tale strumento, donato dalla Fondazione Cariparma, consentirà d’ora in poi di offrire una risposta terapeutica efficace e risolutiva, sia in termini di trattamento che di prevenzione, a questi pazienti. Un servizio analogo, altamente specialistico, era assente non soltanto in Parma e Provincia, ma in tutta la Regione Emilia-Romagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento