menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Usano i figli piccoli per rubare al supermercato e 'sfondare' alle casse: mamma arrestata

Una giovane donna rumena ha spinto l'addetto alla sicurezza del marker Aldi contro una vetrata, poi è stata bloccata dai poliziotti per rapina impropria

Sono entrate all'interno del supermercato Aldi di via San Leonardo a Parma con quattro bambini ed hanno cercato di rubare il più possibile all'interno del market, servendosi dei propri figli piccoli. Due giovani donne di origine rumena sono state protagoniste, nel pomeriggio di mercoledì 19 febbraio, di un grave episodio. Le due, dopo essere entrate, hanno iniziato a prelevare generi alimentari ed altro dagli scaffali, per poi riporli nei carrelli, come normali clienti. Nel frattempo gli addetti alla sicurezza, che si erano insospettiti, hanno seguito i movimenti delle giovani.

Arrivate davanti ad alcune casse chiuse le donne hanno fatto spingere i carrelli ai propri figli, per cercare di uscire dal supermercato e scappare senza pagare. Una delle due donne, che si è presentata alla cassa con i tre figli, è riuscita a scappare, dopo aver avuto una colluttazione con l'addetto alla sicurezza mentre la seconda donna è stata bloccata, in un primo momento, dalla security. Poco dopo la giovane donna ha spintonato l'addetto alla sicurezza contro una vetrata ed è scappata. Nella fuga ha perso la borsa ed ha deciso di tornare a recuperarla: proprio in quel frangente gli agenti delle Volanti che, nel frattempo erano arrivati sul posto, l'hanno bloccata, identificata ed arrestata per rapina impropria in concorso. La donna, con alle spalle precedenti per reati contro il patrimonio, è stata arrestata. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Cronaca

    Covid, tornano a crescere i casi: 77 contagi e due morti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento