Corniano, tre 14enni devastano per 'gioco' nove case con un'ascia e un piccone

Tre ragazzi italiani tra i 14 e i 15 anni hanno devastato, forse 'per gioco' nove case nella frazione di Corniano, piccolo borgo nel Comune di Palanzano. Denunciati per violazione di domicilio e danneggiamento

Tre ragazzi italiani tra i 14 e i 15 anni hanno devastato, forse 'per gioco' nove case nella frazione di Corniano, piccolo borgo nel Comune di Palanzano. Lo hanno scoperto i Carabinieri di Palanzano che sono intervenuti presso le abitazioni, probabilmente abitate solo nel periodo estivo.

I militari hanno trovato le case con ingenti danni provocati da un'ascia, un piccone e 2 macete che sono stati rinvenuti sul posto. I segni rilevati sulle porte delle abitazioni sono compatibili con gli oggetti trovati. I tre minorenni sono stati identificati e denunciati alla Procura dei Minori di Bologna per violazione di domicilio e danneggiamento. 


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento