Rue, approvata la variante. I 5 Stelle contro la speculazione edilizia

Dopo aver ricevuto critiche per l'avallo di progetti nati dalle scorse amministrazioni i 5 Stelle si prendono una rivincita e fanno approvare, senza contrari, un testo che, almeno sulla carta, si oppone frontalmente alla speculazione

Hanno ricevuto critiche per il via libera ad alcuni progetti urbanistici approvati dalle passate amministrazioni, dall'area ex Kartodromo sulla quale sorgerà il nuovo Dechatlon all'area commerciale di via La Spezia. Ora l'amministrazione a 5 Stelle si prende una rivincita e fa approvare in Consiglio comunale, nella seduta del 30 luglio senza nessun contrario, una variante al Rue che, almeno sulla carta, si oppone frontalmente alla speculazione edilizia. Con l'attuale Rue chi subiva un esproprio per opere di interesse pubblico poteva edificare e non doveva rispettare la volumetria originaria. Così in molte zone della nostra città gli edifici si sono espansi in modo spropositato. Con la modifica approvata due giorni fa invece l'immobile di nuova costruzione dovrà rispettare l'esatta volumetria originaria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA NOTA DEI 5 STELLE. "Con l'approvazione della variante al RUE, discussa martedi in Consiglio Comunale, si è finalmente arginato un vuoto legislativo che permetteva, ed ha permesso, molta di quella speculazione edilizia che ha modificato inesorabilmente la nostra prima periferia.

Questa variazione del RUE prevede che chi subisce un esproprio per il compimento di opere infrastrutturali stradali, ferroviarie ed idrauliche potrà ricostruire l'immobile su un terreno già classificato, quindi edificabile, rispettando l'esatta volumetria dell'immobile di partenza. Nel caso in cui il terreno non fosse classificato, quindi a destinazione agricola, ogni singolo provvedimento dovrà essere concordato con l'amministrazione comunale conferendogli pubblica evidenza.

Il regolamento in precedenza prevedeva che la superficie residenziale di partenza portasse con sè una serie di superfici accessorie, senza però prevederne il rispetto dell'esatta volumetria originaria e lasciando quindi il fianco scoperto alla speculazione edilizia. Inoltre il terreno di destinazione non necessitava del "via libera" dell'amministrazione (quindi con approvazione di varianti agli strumenti urbanistici in Consiglio Comunale), permettendo quindi all'impattato di decidere quale pezzo di territorio agricolo utilizzare senza che questo venisse in alcun modo registrato sulle cartografie tecniche di pianificazione. Anche questo aggiornamento verrà fatto a seguito della delibera approvata.

In Consiglio Comunale l'approvazione della variante è passata quasi all'unanimità senza alcun voto contrario, indice della buona qualità del provvedimento. Resta, come al solito, un dubbio: perchè si è aspettato un gruppo di cosiddetti inesperti della politica per portare avanti tali progettualità? In questo settore, una buona tempistica avrebbe sicuramente fatto la differenza nella conservazione e valorizzazione della campagna parmigiana che circonda l'urbanizzato.

Inoltre, come ormai in ogni modifica al RUE, assistiamo con soddisfazione all'operazione, portata avanti dall'Assessore Alinovi insieme ai suoi uffici, di semplificazione e snellimento di questo complesso Regolamento così importante per i tanti professionisti che operano nella nostra città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento