menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cerca di vendere la cocaina ai poliziotti: giovane pusher in manette

Estrae un ovulo dalla bocca e...

Alle ore 10,30 del 08 febbraio durante lo svolgimento di un servizio finalizzato alla prevenzione dei reati spaccio di stupefacenti e borseggio, E.B. in Piazzale Santa Croce all’altezza via Dei Mille, in sella ad una bicicletta ha avvicinato agli Agenti che stavano transitando appiedati in abiti civili, proponendo loro l'acquisto di sostanza stupefacente.

Nella circostanza, lo straniero ha estratto dalla bocca un involucro di colore trasparente consegnandolo agli agenti che, a seguito di ciò, si sono qualificati come appartenente della Polizia di Stato. Immediatamente il nigeriano, nel tentativo di garantirsi la fuga, ha reagito violentemente scagliando la propria bicicletta contro uno dei due operatori che a seguito di ciò ha riportato lesioni alle gambe ed alle braccia guaribili in otto giorni.

Durante la fuga per le vie del centro cittadino, il giovane ha tentato di disfarsi di numerosi involucri (successivamente recuperati e sequestrati) gettandoli a terra, disfacendosi altresì della maglietta che indossava nel tentativo di non essere riconosciuto dai suoi inseguitori. Bloccato nei pressi di Via Bixio, ove si era nascosto dietro la porta della Chiesa Evangelista, il nigeriano ha reagito nuovamente con violenza contro gli agenti, sferrando calci e pugni contro di loro tentando così di fuggire nuovamente.

Il ragazzo è stato tratto in arresto e portato presso i locali della Questura ove è stato foto-segnalato e sottoposto a perquisizione personale che ha permesso agli agenti di rinvenire e sequestrare contante per 30 euro., un telefono cellulare, probabilmente utilizzato per l’attività di spaccio, stupefacente di tipo marijuana del peso di 6 g., stupefacente di tipo cocaina del peso 0.5 g. Ieri 09 febbraio è stato effettuato il processo con rito direttissimo nei confronti del nigeriano che è stato condannato ad 1 anno e 9 mesi di reclusione; nei suoi confronti è stata applicata la misura restrittiva dell’obbligo di firma 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento