menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Immigrazione, gli attivisti di Anomalia Parma a Ventimiglia: il report fotografico

Gli attivisti e le attiviste di Art Lab di Parma e di Anomalia Parma si sono recati ieri 16 giugno a Ventimiglia per portare solidarietà ai migranti che si trovano ancora al confine tra Italia e Francia. Ecco il racconto e le immagini

Gli attivisti e le attiviste di Art Lab di Parma e di Anomalia Parma si sono recati ieri 16 giugno a Ventimiglia per portare solidarietà ai migranti che si trovano ancora al confine tra Italia e Francia. Ecco il racconto e le immagini. 

IL REPORT DI ANOMALIA PARMA- "I fatti che stanno avvenendo a Ventimiglia danno l'ennesima dimostrazione dell'inospitalità dell'Europa nei confronti dei migranti, in particolare dell'Italia che evidenzia ulteriormente l'impreparazione nel gestire tali situazioni critiche . Ci troviamo davanti ad un'ottantina di migranti che stanno presidiando permanentemente ponte san Ludovico davanti alla frontiera francese con la richiesta di poterla attraversare per ricongiungersi con le loro famiglie che si trovano in vari paesi europei; molti di essi, dopo aver acquistato al prezzo di 130€ un biglietto del treno per arrivare a Parigi sono stati intercettati, ammanettati e scaricati nuovamente alla frontiera di Ventimiglia. La risposta delle istituzioni nei confronti di esseri umani che fuggono da guerra morte poverta e disperazione è stata lo schieramento dei corpi di polizia italiana da una parte edella gendarmerie francese dall'altra i quali in questi primi tre giorni di presidio permanente dei migranti hanno risposto in maniera disumana tentando inizialmente di portarli con la forza verso un tunnel situato poche centinaia di metri prima della frontiera, e poi rinchiudendoli con delle transenne verso la scogliera sulla quale alcuni di loro hanno tentato di fuggire. I migranti non hanno intenzione di andarsene e presidiano la frontiera intonando cori come "we are not going back" e "where is Europe union, where are human rights?"; uno di loro per protesta si è tuffato in mare ed è stato soccorso dalla croce rossa. Nonostante questi gesti disperati la risposta non arriva; sembra che l'intenzione sia quella di portarli allo sfinimento per fare in modo che abbandonino il presidio. Questa mattina alle 8.30 un ingente numero di forze dell'ordine ha prelevato con l'uso della forza una trentina di migranti che sono stati portati alla stazione di Ventimiglia dove è stato attivato una sorta di centra di accoglienza all'interno del quale sono garantiti due pasti al giorno. La gendarmerie francese e la polizia italiana stanno monitorando costantemente il presidio e la croce rossa italiana e francese si occupano di dare assistenza medica e di portare dei viveri, aiutati da un buon numero di abitanti di Ventimiglia e di mentone che mostrano grande solidarietà portando anch'essi viveri, scarpe e vestiti".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento