Vertenza Tas, l'azienda conferma la chiusura di Parma: ancora scioperi

I lavoratori si fermeranno per le intere giornate di venerdì 7 e lunedì 10 ottobre, mentre altre 24 ore di sciopero saranno effettuate entro il 25 ottobre. Intanto alcuni dipendenti si dimettono

Sciopero della Cgil

Nelle giornate del 7 e 21 settembre scorsi si sono tenuti due incontri fra la delegazione sindacale e la direzione aziendale della società Tas, durante i quali quest’ultima ha ribadito la propria volontà di procedere con la chiusura della sede di Parma nonostante le proposte fatte dalle rappresentanze sindacali su razionalizzazione dei costi della sede, percorsi e modalità per riqualificazione e formazione del personale, ricorso ad ammortizzatori sociali conservativi del posto di lavoro a fronte di crisi di mercato, etc. L’incontro con le istituzioni convocato dalla Regione Emilia-Romagna per il giorno 28 settembre ha dovuto essere rinviato per indisponibilità della società Tas al 25 ottobre.

"Nel frattempo - si legge in una nota della Cgil - data la situazione d’incertezza sul futuro della sede di Parma e l’ostinazione dell’azienda nel proclamarne la chiusura, si susseguono le dimissioni di lavoratrici e lavoratori con gravi conseguenze sull’efficienza lavorativa ed organizzativa, con rischio di ritardi nelle consegne, perdita di fatturato e clienti e di professionalità fondamentali.

In ragione di quanto sopra, i lavoratori della sede Tas di Parma, insieme alla Fiom Cgil di Parma e alla Rsu, riunitisi martedì 4 ottobre in assemblea, hanno proclamato lo sciopero a partire dalle ore 15 e fino al termine della stessa giornata. Un ulteriore primo pacchetto di 40 ore di sciopero prevede la fermata di tutti i lavoratori della sede di Parma per le intere giornate di venerdì 7 e lunedì 10 ottobre, mentre le restanti 24 ore saranno effettuate entro il 25 ottobre secondo modalità e con iniziative pubbliche che saranno comunicate nei prossimi giorni.

“Oggi è necessario - spiega Davide Fellini, segretario della Fiom Cgil di Parma – che la direzione aziendale revochi immediatamente la chiusura della sede di Parma, ne garantisca il mantenimento dei posti di lavoro e si avvii un vero confronto, invocato anche dalle istituzioni, sulle azioni da individuare, condividere e concretizzare per ridare una prospettiva non solo ai lavoratori di Parma, ma anche ai lavoratori Tas di tutte le altre sedi”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Coronavirus, a Parma otto nuovi casi: nessun decesso in tutta la regione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

Torna su
ParmaToday è in caricamento