rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Oltretorrente / Via Massimo D'Azeglio

Stop alcool alle 23 in via d'Azeglio, il Consiglio di Stato boccia il ricorso: "Costretti a chiudere"

La decisione è arrivata la sera del 7 luglio ed è stata pubblicata la mattina dell'8: "Non risultano evidenziati elementi idonei a superare le condizioni di pericolo su cui fonda il provvedimento di primo grado". Il proprietario del Mama Cafè: "Valuteremo le modalità ma la direzione è quella"

Il Consiglio di Stato ha deciso. Il ricorso degli esercenti di via d'Azeglio, colpiti dalle celebre ordinanza che impedisce ad alcuni locali di somministrare alcolici dopo le ore 23, non è stato accolto, è stato bocciato. Dopo la decisione del Tar dell'Emilia-Romagna anche quella del Consiglio di Stato dà ragione al Comune di Parma: i giudici hanno deciso di respingere il ricorso "considerato che non risultano evidenziati elementi idonei a superare le condizioni di pericolo su cui fonda il provvedimento di primo grado". Gli esercenti hanno perso: ora la movida di via d'Azeglio sarà regolamentara, come è avvenuto fino ad oggi, dal questo divieto, valido per alcuni locali che hanno condotto una battaglia legale per tutelare i propri interessi e cercare di sopravvivere ma non ce l'hanno fatto. In una recente inchiesta abbiamo mostrato come l'ordinanza colpisce i commercianti e i gestori di locali della movida, azzerandola dal punto di vista dell'interesse commerciale. Se in una serata in media un locale che vende birra ed altri alcolici perde circa l'80% di incassi in seguito al divieto sancito per via d'Azeglio i conti sono presto fatti. "Saremo costretti a chiudere, valuteremo le modalità per farlo ma la direzione è quella" ci racconta il proprietario del Mama Cafè, locale molto noto della movida che è stato protagonista, insieme al Surfer's Den, di una lotta per la sopravvivenza. Ora infatti la prospettiva è quella della chiusura. "Se sia il Tar regionale che il Consiglio di stato hanno espresso questa sentenza vorrà dire che in questa ordinanza qualcosa di vero e giusto c'è" commenta con amarezza Mattia, mentre pensa al futuro del suo locale. Un sogno che si infrange contro la burocrazie e regole per la 'sicurezza' e la vivibilità che dovrebbero tenere conto anche della socialità dovuta alla presenza di locali serali in zona. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop alcool alle 23 in via d'Azeglio, il Consiglio di Stato boccia il ricorso: "Costretti a chiudere"

ParmaToday è in caricamento