Via d'Azeglio, locali chiusi alle 22: esercenti contro le nuove regole

Contro il nuovo regolamento, pensato specificatamente per la Movida di via d'Azeglio ieri sera, a partire dalle ore 10, alcuni esercenti della via, hanno deciso -come annunciato- di chiudere i locali per protesta

Contro il nuovo regolamento, pensato dall'Amministrazione Comunale e dall'assessore Cristiano Casa specificatamente per la Movida di via d'Azeglio ieri sera, a partire dalle ore 10, alcuni esercenti della via, hanno deciso -come annunciato- di chiudere i locali per protesta. Clienti e frequentatori di via d'Azeglio hanno dato vita ad un flash mob contro l'entrata in vigore dell'ordinanza, attiva a partire da giovedì prossimo 26 giugno. Sulle porte dei locali chiusi i commercianti hanno attaccato il volantino con il comunicato dove si spiegano le ragioni della protesta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento