Cronaca Oltretorrente / Strada Nino Bixio

Finanziamenti per rilanciare il commercio in Oltretorrente, Cantoni: "Bando troppo selettivo"

Un'agenzia viaggi e una immobiliare. Due esercizi commerciali nuovi di zecca che vorrebbero aprire in via Bixio, ma che non rientrano nelle tipologie di attività che il Comune intende attrarre nella zona e per questo non potranno accedere ai finanziamenti stanziati per rilanciare il commercio in Oltretorrente

Un'agenzia viaggi e una immobiliare. Due esercizi commerciali nuovi di zecca che vorrebbero aprire in via Bixio, proprio nella via dove da mesi i negozi chiudono e basta, al punto che il Comune di Parma ha dovuto promuovere un bando per finanziare a fondo perduto nuove attività per incentivarne l'insediamento proprio in via Bixio e via Imbriani. Ci si potrebbe aspettare dunque che i primi commercianti a godere di questa agevolazione saranno proprio le due agenzie, e invece no. Il motivo? Non rientrano nelle tipologie di attività che il Comune intende attrarre nella zona.

"Il problema - spiega Stefano Cantoni di Confesercenti a ParmaToday - è che a leggere con attenzione il bando si scopre che è estremamente selettivo, forse troppo visti i tempi di crisi e la penuria di gente che decide di prendersi il rischio di dar vita ad una nuova impresa commerciale". In effetti dal finanziamento sono escluse imprese che propongano, anche solo parzialmente, la commercializzazione di bevande, la vendita di articoli mono prezzo, le sigarette elettroniche, attività artigianali di preparazione e vendita di beni alimentari, intermediazione mobiliare e immobiliare. A queste si aggiungono poi sale giochi, call center, sale scommesse, compro oro e via discorrendo.

Di fatto il Comune attraverso il bando cerca di dare un assetto commerciale alle due vie impedendo il concentrarsi di attività che possano in qualche modo portare ulteriore degrado in Oltretorrente. "Condivido in parte l'intento - chiarisce Cantoni - ma chi vuole aprire una nuova attività deve anche seguire l'interesse dei consumatori, vengono fatte delle analisi di mercato per questo e ovviamente i gestori cercano di aprire esercizi che possano offrire un guadagno". E ora cosa succederà? "Siamo in attesa di capire l'evolversi degli eventi. Di sicuro in assenza dell'incentivo gli imprenditori vorranno guardarsi intorno, e se troveranno in una zona magari più conveniente o accessibile non apriranno in via Bixio. E a questo punto ci avremo perso un po' tutti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finanziamenti per rilanciare il commercio in Oltretorrente, Cantoni: "Bando troppo selettivo"

ParmaToday è in caricamento