rotate-mobile
Cronaca

Via Burla, aggredito un poliziotto: cinque giorni di prognosi

In tarda mattinata, un detenuto si è scagliato contro l'agente. Il Coordinatore Regionale Fns Cisl Emilia Romagna: "Situazione incandescente"

Ennessima aggressione in via Burla, all'interno della casa circondariale della città. In tarda mattinata, un poliziotto sarebbe stato aggredito da un detenuto magrebino, per futili motivi. Per fortuna, altri due operatori sarebbero riusciti a bloccare tempestivamente l’aggressore, scongiurando l’ulteriore degenerarsi della situazione. Il poliziotto aggredito sarebbe stato visitato dai sanitari del pronto soccorso. Sono 5 i giorni di prognosi, salvo complicazioni.

"Il personale di Parma e, più in generale, quello in servizio presso gli istituti penitenziari regionali, quasi quotidianamente è costretto ad affrontare eventi critici di particolare rilievo e gravità, rischiando costantemente la propria incolumità psicofisica, senza che i vertici dell’Amministrazione adottino i provvedimenti necessari per arginare le crescenti intemperanze dei reclusi". È quanto si legge su una nota diffusa da Gianluca Gilberti, Coordinatore Regionale Fns Cisl Emilia Romagna. "La situazione è incandescente, malgrado il superiore ufficio regionale abbia recentemente avuto l’ardire di dichiarare che non siano emersi, nell’ultimo periodo, elementi di novità tali da suggerire l’urgenza di convocare i rappresentanti dei lavoratori per studiare possibili soluzioni ai problemi che gli stessi segnalano, inascoltati, da mesi. Dopo gli episodi che hanno visto un recluso lanciare dell’olio bollente verso un poliziotto e un altro non portare a termine, grazie al fato, un vigoroso tentativo di strangolamento ai danni di una unità di Polizia Penitenziaria, ci saremmo aspettati non una singola convocazione, ma la calendarizzazione di una serie di incontri in cui analizzare la problematica e vagliare ogni possibile soluzione, al pari di quanto avviene con le istituzioni locali e regionali, i vertici dell’amministrazione, i vertici dell’ASL e chiunque altro abbia voce in capitolo e capacità d’intervento, a eccezione, appunto, delle organizzazioni sindacali del Corpo. Viceversa, tutti i provvedimenti in fase di attuazione, predisposti senza il necessario coinvolgimento dei rappresentanti dei lavoratori e, quindi, di chi opera all’interno del fronte detentivo, porteranno e stanno già portando a un inevitabile e ulteriore peggioramento dello status quo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Burla, aggredito un poliziotto: cinque giorni di prognosi

ParmaToday è in caricamento