Via Burla, detenuto si rifiuta di entrare in cella e aggredisce 4 agenti della Penitenziaria

L'episodio di violenza si sarebbe verificato nei giorni scorsi: la denuncia del Sappe

Ennesima aggressione all'interno del carcere parmigiano di via Burla. Un detenuto magrebino avrebbe infatti aggredito ben quattro agenti della polizia Penitenziaria, che hanno riportato prognosi dai 5 ai 10 giorni. A denunciare l'episodio di violenza è il sindacato Sappe. Secondo le prime informazioni il detenuto avrebbe reagito con violenza al tentativo di farlo entrare in cella: dopo essersi rifiutato di obbedire si sarebbe scagliato contro i poliziotti.  "La situazione nel carcere di Parma è sempre più difficile a causa del sovraffollamento e della grave carenza di personale" sottolineano Giovanni Battista Durante ed Errico Maiorisi, rispettivamente segretario generale aggiunto e vice segretario regionale del Sapp. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Betoniera si ribalta in tangenziale: muore il conducente 31enne

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento