menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il cantiere pericoloso in via Emilia Est

Il cantiere pericoloso in via Emilia Est

Via Emilia est, cantiere pericoloso sulla carreggiata: le auto si sfiorano

Nella zona dell'Arco di San Lazzaro i lavori in corso vicino alla pista ciclabile stanno provocando disagi a ciclisti ed automobilisti: "Ogni giorno le auto passano molto vicino e vanno forte all'uscita dalla rotonda"

Via Emilia Est. Il cantiere in cui ci si imbatte percorrendo la via nei pressi dell'Arco di San Lazzaro, sta provocando disagi a ciclisti ed automobilisti. L'uscita dalla rotonda all'incrocio con via Mantova, la forte velocità dei veicoli che solitamente transitano sulla strada, la soppressione temporanea di una parte di pista ciclabile. Tutti fattori che contribuiscono a rendere pericoloso l'attraversamento.

Un tratto di strada in una direzione di marcia è chiuso, per cui le auto sono costrette a lambire l'altra corsia. Poco dopo il cantiere c'è l'ingresso ad un supermercato, con conseguente via vai di automobili. Un ciclista, abbastanza anziano, che passa qui per andare a fare spesa commenta. "Va bene che i cantiere devono essere fatti ad agosto ma la città non è affatto vuote e le auto che circolano sono ancora molte. Se non si sta attenti qui le auto nei due sensi di marcia di sfiorano, all'uscita dalla rotonda, succede ogni giorno da quando c'è il cantiere. Spero che questi disagi finiscano presto"

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento