Via Pellico, Iren toglie la corrente. I commercianti: "Causa collettiva"

L'azienda ha avvisato con un volantino la programmazione di alcuni lavori in zona. Confesercenti: "Alcuni associati, come i bar, perdono tutto l'incasso della giornata. Nessuno ci ha risposto, è una presa in giro"

"Ieri, 6 Febbraio -si legge in una nota di Confesercenti- i commercianti della zona di Via Silvio Pellico hanno ricevuto un volantino di Iren con il quale si avvisa di lavori da svolgersi nella mattinata odierna e lunedi prossimo, 11 febbraio, dalle 8 alle 14, in pieno orario di lavoro.

Ovviamente siamo stati contattati da alcuni associati, i quali a causa di questi lavori, perdono tutto l’incasso di buona parte della giornata, i bar in particolare, a causa di lavori per nulla urgenti, ma “programmati” da Iren e che ben potevano essere svolti in altre fasce orarie o alla domenica.
Ma lo scarso interesse per gli “altri”, per i clienti, è dimostrato dal comportamento stupefacente dell’azienda. Questa mattina abbiamo contattato il numero verde indicato per avere informazioni: l’addetto ha semplicemente confermato che si tratta di lavori programmati ma si è ripetutamente rifiutato di fornire il nome del responsabile dell’ufficio che segue questa “programmazione”.

Ci è stato quindi fornito un numero di telefono che in realtà è un fax e a cui non risponde nessuno. Ci è stato successivamente fornito il numero del centralino (!!) ma qui l’addetta (che risponde da Torino..) ci ha riferito che lei non ha nessun numero del “servizio elettrico” e che avremmo dovuto chiamare esclusivamente il numero verde. Insomma una grande presa in giro, tutta comunque registrata, come avvisa la segreteria telefonica.

Morale, dopo una serie di “muri” tirati su a protezione di questa misteriosa programmazione lavori non abbiamo potuto far altro che inviare un fax di reclamo, riservandoci tuttavia, a questo punto e vista l’impossibilità di parlare con un responsabile Iren, di agire, anche in forma collettiva, per il risarcimento dei danni odierni e futuri procurati soprattutto alle attività commerciali e ai bar della zona di via Pellico e dintorni.

Purtroppo, sono ormai nel dimenticatoio le buone prassi di convivenza civile, in cui vi era un ufficio e personale disponibile a condividere i problemi legati ai lavori che interessano le imprese commerciali, condannate a perdere clienti e insultate nella loro dignità con comportamenti di questo tipo che certo non fanno onore ad un’azienda storica per il nostro territorio, di cui ormai vi è solo il ricordo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

  • Il contagio si espande: 13 nuovi casi nelle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento