Via Toscana, preso il rapinatore della farmacia "Tomatis": un 46enne parmigiano

E'finito in manette D.M., 46enne parmigiano, che lo scorso 5 luglio ha rapinato la farmacia "Tomatis" in via Toscana. A inchiodarlo le immagini delle telecamere di videosorveglianza e la prontezza delle farmaciste che hanno preso il numero di targa dell'auto su cui è scappato.

Ha ammesso di aver fatto una sciocchezza e di averla fatta perché era fuori casa e non mangiava da giorni, ma la sua giustificazione non è bastata a salvarlo dall'arresto. Così è finito in manette D.M., 46enne parmigiano, che lo scorso 5 luglio intorno alle 18.45 ha rapinato la farmacia "Tomatis" in via Toscana per un bottino di circa 600 euro. A inchiodarlo le immagini delle telecamere di videosorveglianza e la prontezza delle due farmaciste presenti al momento del furto che subito dopo la fuga dell'uomo sono riuscite a leggere la targa dell'auto su cui stava scappando.

Quel giorno il 46enne parmigiano è entrato in farmacia con una lama in mano intimando alle due donne di consegnargli i soldi: "Altrimenti ti taglio", queste le parole dell'uomo. A quel punto una delle due farmaciste spaventata ha aperto la cassa e ha dato il contenuto al rapinatore. Presi i soldi D.M. è uscito dalla farmacia per scappare su un'auto grigia di cui le due donne, che nel frattempo si erano avvicinate alla vetrina, sono riuscite a leggere la targa. Proprio da questo importante indizio gli uomini della Sezione Antirapine di Parma sono riusciti a stabilire che la targa fornita dalle testimoni apparteneva allo stesso modello di auto da loro descritta e di cui D.M. risultava essere l'intestatario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo ulteriori accertamenti gli agenti della Mobile scoprono, inoltre, che poche ore prima della rapina il 46enne era stato oggetto di un controllo nel parco Falcone-Borsellino e gli stessi poliziotti che lo avevano fermato lo hanno poi hanno riconosciuto nei filmati di videosorveglianza che nel frattempo erano stati acquisiti, notando che l'uomo era vestito anche allo stesso modo. Da quel momento non ci sono più dubbi sull'identificazione dell'autore della rapina che viene confermata anche dalle farmaciste.
A quel punto gli agenti hanno cercato D.M. che, però, nel frattempo si era reso irreperibile. Dopo alcuni giorni avvisato dai parenti del fatto che la Polizia lo cercava il 46enne si è costituito ed è stato portato nel carcere di via Burla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento