menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Traversetolo, la strada che finisce nel nulla? E' una discarica abusiva

Sarebbe dovuta diventare una strada per potenziare la provinciale 513 nel tratto compreso tra l'intersezione con strada Casalunga e quella con strada Salvini. Ma il cantiere è fermo per motivi burocratici, mente il degrado avanza

Sarebbe dovuta diventare una strada, quella che avrebbe dovuto potenziare la strada provinciale 513 di Traversetolo nel tratto compreso tra l'intersezione con strada Casalunga e quella con strada Salvini. Un'opera la cui realizzazione fa parte, assieme alla relativa rotatoria, degli oneri e obblighi derivanti dall'accordo con privati ex art.18L.R.20/00 a seguito della costruzione del polo funzionale commerciale Eurosia.

Un cantiere fermo per motivi burocratici, a causa della necessità dell'effettuazione di espropri di terreni, con richiesta inoltrata già il 27 luglio 2010 ma la cui stima definitiva dell'esproprio degli immobili occorrenti per la realizzazione dei lavori è stata depositata solo il 26 aprile scorso. Oggi, a distanza di oltre un anno dalla data presunta di fine lavori, 20 settembre 2011, come testimonia il cartello informativo che ancora campeggia davanti a un moncone di strada che finisce nel nulla, cresce una discarica a cielo aperto ben visibile da chi percorre via Traversetolo.

Rifiuti speciali accumulati nel tempo, con prevalenza di materiale edile come tubi, fili, mattoni sbriciolati e cumuli di catrame che inevitabilmente si disperdono nell'ambiente. Ai resti edili si aggiungono i rifiuti ingombranti abbandonati in prossimità dell'incrocio, come un frigorifero, un materasso e copertoni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 43 casi e un decesso

  • Cronaca

    Il piano di Patrick: voleva uccidere anche Maria Teresa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento