Via Volturno, una lettrice: "I parcheggiatori? Solo strumentalizzazione razzista"

Parcheggiatori abusivi in via Volturno. Dopo le denunce da parte di alcuni cittadini la lettera di una nostra lettrice ci offre l'occasione di proporre un altro punto di vista

Parcheggiatori abusivi in via Volturno. Dopo le denunce da parte di alcuni cittadini, riportate dagli organi di stampa, dell'insistenza dei parcheggiatori abusivi che si trovano nel parcheggio di fronte all'Ospedale Maggiore in via Volturno -utilizzato da molti cittadini per recarsi nei reparti dell'Ospedale- e il presidio di Casa Pound che chiede un intervento più frequente da parte delle forze dell'ordine la lettera di una nostra lettrice ci offre l'occasione di proporre un altro punto di vista. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA LETTERA. "Gentile redazione, proprio non ce la faccio a lasciare passare sotto silenzio la vicenda dei cosiddetti 'parcheggiatori abusivi' di via Volturno e zone limitrofe. Vorrei che le persone fossero almeno oneste e non si lasciassero influenzare dall'emergenza fomentata da alcuni organi di stampa che hanno sempre soffiato sul fuoco del razzismo per cercare di vendere più copie dei giornali. Premetto che frequento spesso i luoghi al centro delle polemiche, sia via Volturno per recarmi all'Ospedale Maggiore sia via Abbeveratoria, di fronte all'ingresso del Pronto Soccorso. Ci sono quasi sempre alcuni ragazzi che chiedono l'elemosina e in molti casi, tra l'altro, non aiutano le persone a parcheggiare ma si avvicinano alle auto. Sono tutti immigrati, sicuramente senza lavoro (altrimenti non cercherebbero qualche spicciolo in questo modo) e magari senza documenti, quindi attaccabili da chiunque e senza diritti, nessuno escluso. Cosa dovrebbero fare? Darsi allo spaccio o ai furti piuttosto che chiedere -certo a volte con insistenza- qualche moneta ai cittadini? Tra l'altro spesso chiedono il biglietto del parcheggio in modo che loro possano darlo a qualche altro automobilista, ricavandoci qualche soldo. Prima di telefonare ai giornali, inviare lettere di indignazione forse sarebbe il caso di riflettere su chi sono le persone che ci stanno di fronte, anche se sono immigrati. Sono sicuramente in situazione di difficoltà e a noi dargli qualche moneta non cambia molto, o sbaglio? Allora il problema è che sono immigrati anche perchè in tante altre parti d'Italia i veri 'parcheggiatori abusivi' sono italiani e su di loro nessuno ha mai niente da dire". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento