rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Si finge un poliziotto e tenta di truffare un'anziana: lei lo fa scappare

L'episodio è avvenuto in via Duca Alessandro. I consigli della polizia per prevenire truffe e furti in abitazione

Si è presentato alla porta dell'abitazione di un'anziana di 81 anni, mostrando un falso tesserino delle forze dell'ordine, è riuscito ad entrare in casa con una scusa ma è stato poi cacciato dalla donna, che si è accorta del tentativo di truffa e ha chiamato la polizia. L'episodio è avvenuto nella mattinata di ieri, mercoledì 29 dicembre, in viale Duca Alessandro a Parma. 

Il truffatorte, con modi gentili, ha riferito all’anziana signora che risultava un arretrato di pensione da riscuotere. Dopo aver ottenuto la fiducia della donna ed essere entrato in casa, l’uomo ha iniziato a chiedere all’anziana signora, se all’interno dell’appartamento erano presenti gioielli e oro. La donna insospettita dalla richiesta ha iniziato a dire di non possedere nulla in casa, ma l’uomo tirando fuori dalla tasca un telecomando e fingendo di digitare qualcosa aveva riferito che in base alla strumentazione in suo possesso risultava che all’interno dell’appartamento erano presenti gioielli.

Intimorita di quanto stava accadendo e compreso che si trattava di un truffatore la donna ha iniziato a urlare e gridare che avrebbe chiamato la polizia. A quel punto l’uomo ha abbandonato di corsa l’appartamento scappando via e allontanandosi dall’abitazione.

Truffe e furti in appartamento: i consigli della polizia 

Soprattutto nel periodo delle festività si registra una recrudescenza di furti e truffe ai danni di anziani che vivono soli o di altri soggetti deboli. Come noto tali fenomeni criminali sono molto vari e, nel corso del tempo, sono stati perfezionati dai malfattori stratagemmi sempre più sofisticati per adescare la vittima e farla cadere nella loro trappola.

Il cliché purtroppo è sempre lo stesso e si basa sulla buona fede delle vittime. Tra le ipotesi più frequenti: 
1.      le vittime vengono approcciate in strada, spesso all’esterno di supermercati, da una donna la quale ne conquista la fiducia  mostrando di essere a conoscenza dei nomi di figli o parenti con i quali riferisce di aver lavorato o essere insegnante a scuola. La truffatrice con fare gentile si offre di accompagnare a casa la vittima, dopo essersi assicurata che la persona sia sola. Con varie scuse sale nell’abitazione ed intrattiene la vittima, di solito in cucina, avendo cura di lasciare alle proprie spalle, le varie porte aperte. Un complice, avendo facile accesso in casa  gira nei vari locali asportando tutto ciò che trova di valore, mentre la vittima viene distratta.
 
2.      In altri casi le vittime vengono sempre avvicinate per strada chiedendo loro se vi sono in zona degli appartamenti in affitto. In un caso l’anziana donna avendo essa stessa un appartamento da affittare, la faceva entrare per visitare l’appartamento mentre la complice agiva indisturbata rubando tutto ciò d’interesse.
 
Ad ogni buon fine la Polizia di Stato invita tutti, in caso di dubbio, a non esitare e chiamare le Forze dell’Ordine attraverso i numeri d’emergenza 113 e 112, i nostri operatori sono al servizio della cittadinanza e pronti ad intervenire in caso di necessità.
 
Ecco alcuni consigli per migliorare la sicurezza in casa e fuori:
 
Truffe:
 
·        Nessuno regala soldi o occasioni facili di guadagno quindi diffidate sempre di chi ve le propone.
·        Non bisogna far entrare sconosciuti in casa e comunque non lasciarli mai soli. Spesso mentre il primo complice  distrae la vittima con qualche scusa un secondo la deruba.
·        Per nessun motivo mostrare soldi o oro ad estranei, alla domanda se si possiede o si custodisce del  denaro o valori in casa la risposta deve essere sempre negativa.
·        Attenzione alla richiesta di somme di denaro urgenti da parte di persone che si fingono amici di parenti, figli, nipoti o amici, i truffatori spesso si informano sulla vita privata per raggirarle;
·        Ricordare che nessun ente effettua controlli di banconote a domicilio.
·        Si raccomanda infine di non dare confidenza a sconosciuti e di avvertire subito le forze dell’Ordine qualora vi sia insistenza nel cercare di entrare nelle rispettive abitazioni.
 
 
Furti in appartamento:
 
·        Munite le finestre di inferriate se abitate al piano terra, di portoni d’ingresso solidi e resistenti;
·        Non lasciate mai le chiavi sulla porta;
·        Non lasciate mai aperte porte e finestre anche se siete nelle vicinanze;
·        Prima di uscire verificate che le porte e finestre siano chiuse;
·        Non lasciare le chiavi delle auto in posti facilmente accessibili o ben visibili dall’esterno;
·        Non tenete mai in casa somme consistenti di denaro;
·        Non fate entrare mai estranei in casa. Ricordate che operati tecnici o rivenditori devono sempre esibire un tesserino e comunque occorre verificare sempre l’appartenenza alla ditta o all’ente.
 
Attenti fuori casa perché si è più esposti:
 
·        Non andare in giro da soli con abiti, gioielli o orologi vistosi; tenete il portafoglio addosso e non nella borsa.
·        Quando camminate per strada tenete la borsa dal lato opposto alla strada, in bicicletta non tenete la borsa nel portapacchi o in auto sui sedili posteriori.
·        Quando effettuate prelievi al bancomat verificate che nessuno si trovi nelle vicinanze e non tenete mai carte di credito e pin insieme.
·        Se vi sentite in pericolo entrate in un locale pubblico e chiamate le Forze di Polizia.
·        Ricordate di chiudere l’auto e di non lasciare a vista borse o cellulari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si finge un poliziotto e tenta di truffare un'anziana: lei lo fa scappare

ParmaToday è in caricamento