Viale Europa tra i rifiuti: le immagini dopo la denuncia di Legambiente

Le immagini del degrado di viale Europa a seguito della denuncia di Legambiente dopo la giornata Puliamo il mondo. Situazione parzialmente migliorata ma è necessario un intervento urgente di Comune e Aipo

Degrado in viale Europa

Una situazione allarmante che necessita di interventi urgenti quella denunciata da Legambiente nel corso della giornata di 'Puliamo il mondo' del 28 settembre scorso in viale Europa. Nei pressi del nuovo ponte Nord, si sono accumulati nel tempo rifiuti di vario genere, come segnalato dall’associazione ambientalista, tra cui i più preoccupanti riguardano gli sversamenti di cemento e materiale cantieristico nel letto del torrente. Rifiuti ingombranti di ogni genere, da sedili, biciclette, elettrodomestici, tra cui microonde, bilance e ferri da stiro, sino a siringhe, vestiti e resti di bivacco. Già nello scorso anno l’associazione aveva richiesto interventi di bonifica e aveva denunciato la presenza di accampamenti abusivi i cui resti però sono ancora presenti oggi.

L’operazione di pulizia compiuta dai volontari dell’associazione è stata preziosa, ma occorre, secondo quanto sottolineato dal presidente di Legambiente Parma Francesco Dradi, un’azione capillare da parte di Comune e Aipo non solo di pulizia ma anche di prevenzione. Uno dei punti sensibili da cui i rifiuti vengono gettati sembra essere la zona del parcheggio del Toschi. Da qui la proposta dei volontari di convertire la pena pecuniaria antibivacco in ore lavoro per pulire la città.

Non solo il greto ma anche lo spiazzo che nel corso dei lavori di cantiere ospitava i macchinari è diventato luogo di abbandono di rifiuti, oltre a essere utilizzato come parcheggio improvvisato in alternativa ai posteggi a pagamento. Dallo spiazzo si accede direttamente all’arcata dei ponti, luogo di frequentazione e di bivacco, come attestano anche i resti di fuochi, siringhe e bottiglie. Ora la situazione è parzialmente migliorata a seguito dell’intervento di pulizia dei volontari, come attestato dalle immagini, ma è necessario un intervento costante di pulizia e controllo del territorio secondo i volontari, che per sottolineare l’importanza della tutela di flora e fauna presenti hanno sistemato nuovamente i cartelli informativi che erano stati abbattuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento