Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO - L'incendio della porta dell'Aschieri Impianti di Corcagnano: due arresti per estorsione

 

Avrebbero minacciato, con l'invio di alcuni proiettili nella cassetta delle lettere dell'azienda e l'incendio di una porta vetro della ditta, un imprenditore parmigiano, Alberto Aschieri, titolare della ditta Aschieri Montaggi di Corcagnano, per intimidirlo e far sì che rinunciasse a presentare un'offerta per una grossa commessa di lavoro in Danimarca nel settore dell'impiantistica alimentare. L'unico altro concorrente era la 'G.F Nuove Tecnologie' di Franco Gigliotti, l'imprenditore calabrese coinvolto nella maxi operazione Stige contro l'Ndrangheta. 

Due uomini, Francesco Greco, già in carcere accusato di essere l'autore di alcune rapine a delle prostitute, e Giuseppe Gigliotti, cugino di Franco Gigliotti, sono stati arrestati dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Parma con l'accusa di estorsione aggravata in concorso. I militati hanno eseguito l'ordinanza del Gip della Procura di Parma. Secondo l'accusa l'autore materiale dell'incendio e dell'invio dei proiettili sarebbe Francesco Greco mentre Giuseppe Gigliotti sarebbe il mandante. 

INCENDI E CARTUCCE DI REVOLVER PER MINACCIARE UN IMPRENDITORE

Potrebbe Interessarti

Torna su
ParmaToday è in caricamento