menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Vigilanza al dormitorio Santa Margherita, è vero che ci sarà un solo operatore di notte?"

Interrogazione dei consiglieri comunali del Partito democratico Sandro Campanini, Lorenzo Lavagetto e Daria Jacopozzi

I consiglieri comunali del Partito democratico Sandro Campanini, Lorenzo Lavagetto e Daria Jacopozzi, hanno presentato un’interrogazione alla giunta comunale sul tema del servizio notturno alla casa di accoglienza notturna temporanea del Comune di Parma di strada Santa Margherita 8/A , che accoglie fino a 24 utenti maschi adulti indigenti e senza dimora.  

I consiglieri chiedono chiarimenti su quanto dichiarato dai sindacati Cisl-Fp e Usi-Ait, in merito alla decisione della Cooperativa Dolce di Bologna, che ha in gestione la struttura, di prevedere un solo operatore notturno invece di due, con orario dalle 23 alle 6 e un pagamento di euro 1,55 all’ora. Campanini, Lavagetto e Jacopozzi intendono conoscere se tale scelta rispetta il contratto di servizio stipulato con la cooperativa e se l’Amministrazione la condivide. Inoltre, i consiglieri chiedono alla Giunta se nel contratto sono specificate caratteristiche e compiti del servizio di reperibilità notturna e se la tariffa di euro 1,55 all’ora è rispettosa dei contratti di lavoro, oltre che, più in generale, della dignità dei lavoratori. Infine, il gruppo PD  domanda quali azioni l’Amministrazione intende mettere in campo  per garantire un’adeguata vigilanza notturna e un compenso equo a chi ne è incaricato

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento