Vigili del Fuoco, le spese mediche? Pagliari: "Privati della polizza infortuni"

"Già da diversi giorni -sottolinea il senatore del Pd che ha presentato un'interrogazione- i Vigili del Fuoco sono stati privati della polizza infortuni. Tempi molto lunghi per i rimborsi"

Garanti della sicurezza, quotidianamente impegnati in emergenze ed operazioni di salvataggio, ai Vigili del Fuoco viene chiesto ogni giorno di dimostrare il proprio coraggio, anche a rischio della propria incolumità. Una abnegazione che però non sembra, in alcuni casi, adeguatamente ricompensata. Per molti di loro, infatti, è divenuto impossibile percepire, in tempi ragionevolmente brevi, il rimborso delle spese mediche. Una situazione paradossale, quella venutasi a creare, contro la quale punta l'indice il Senatore del Partito Democratico Giorgio Pagliari, che sul tema ha presentato una interrogazione parlamentare.

"A quanto viene segnalato dalla Segreteria Territoriale di Parma della Federazione Nazionale Sicurezza - CISL - afferma Pagliari - già da diversi giorni i Vigili del Fuoco sono stati privati della polizza infortuni e di quella di rimborso delle spese sanitarie stipulata dall'Opera Nazionale di Assistenza dei Vigili del Fuoco. Ente che provvede alle iniziative socio-assistenziali in favore del personale del Corpo. In questo modo se qualche Vigile del Fuoco dovesse essere soggetto ad un infortunio sul servizio o a malattia professionale - cosa molto frequente vista la natura dell'impegno encomiabile dei pompieri - dovrebbe pagare le cure personalmente anticipando le spese relative, poiché il Dipartimento dei Vigili del Fuoco non paga le spese sostenute, se non a chiusura dell'incidente e con tempi piuttosto lunghi".

Una situazione di forte disagio, con lavoratori costretti ad anticipare in alcuni casi anche migliaia di euro per le cure mediche e con la prospettiva di non percepire il rimborso per lunghi mesi. Una attesa impossibile da sostenere, in particolare nella stagione di grave crisi economica che il paese sta attraversando, dovuta alla riduzione dei fondi provenienti dal Ministero dell'Economia e destinati al Dipartimento dei Vigili del Fuoco, che a sua volta poi girava all'Opera Nazionale di Assistenza per il personale CNVVF la propria quota parte. Il Senatore Pagliari nel documento chiede quindi la previsione di forme alternative di tutela sanitaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento