Vigili del Fuoco, 8 mila euro a Comando. Defranceschi: "Straordinari? In busta paga tutto tace"

Straordinari pagati? "Nella busta paga di dicembre non compare nulla di nulla, se non lo stipendio del mese. Forse, quei soldi li vedranno recapitati a fine anno, e stiamo parlando di una somma che fa la differenza: dai 3 fino a 6 mila euro a testa"

Ieri l'assessore regionale Paola Gazzolo ha annunciato lo stanziamento di 200 mila euro a favore dei Comandi dei Vigili del Fuoco. Per il distaccamento di Borgotaro, così come per gli altri distaccamenti, arriveranno 8 mila euro. La presa di posizione di Andrea Defranceschi, capogruppo Movimento 5 Stelle Regione Emilia-Romagna​. 

Come al solito dichiarazioni che non corrispondono alla realtà. Straordinari pagati? -scrive Andrea Defranceschi, capogruppo Movimento 5 Stelle Regione Emilia-Romagna. Tanto per cominciare è un atto dovuto e non una grazia ricevuta. Dopodiché, abbiamo chiamato i diretti interessati e indovinate? Nella busta paga di dicembre non compare nulla di nulla, se non lo stipendio del mese. Forse, quei soldi li vedranno recapitati a fine anno, e stiamo parlando di una somma che fa la differenza: dai 3 fino a 6 mila euro a testa. “ma non festeggiamo niente e quello che da fastidio è il trionfalismo sui giornali. E ciò che ci spetta”.

Non solo: 200 mila euro di contributi destinati alla manutenzione e alla gestione delle sedi dei distaccamenti dei Vigili del fuoco volontari, per "migliorare ulteriormente la capacità, l’efficienza e la prontezza di intervento e di ridurre i tempi di risposta in situazioni di crisi e di emergenza". Ma ci prendono in giro? Migliorare ulteriormente? Con 8 mila euro a Comando? Provate a chiedere al Conapo cosa ne pensano. Queste persone sono ridotte in condizioni di cui forse l'Assessore o chi le ha scritto la nota non ha un'idea. 200 euro di contributi, assieme al pagamento degli straordinari, non sono una concessione di una Giunta generosa: sono il minimo dovuto a chi lavora a servizio dello Stato.

Non solo: tecnicamente, quei soldi vengono anche destinati in maniera non funzionale, perché anziché riservarli ai Comandi permanenti, vengono riservati, ci spiegano, ai distaccamenti volontari che fanno 20 interventi l’anno, e non 24ore su ventiquattro, come i pompieri del corpo nazionale. Ci abbiamo messo un anno, noi del M5S e i sindacati del Corpo dei Vigili, per vedergli pagare mesi di retribuzione di straordinari prestati per l'emergenza sisma dai volontari, e ora il tono e' quello di un padre di famiglia a cui dobbiamo essere grati perché ci riconosce il dovuto? Vogliamo parlare di riconoscimento? Bene: che fine ha fatto la polizza assicurativa che copre i "rischi del mestiere"? Ha presente, assessore, quella che i vigili devono pagarsi di tasca propria, sottraendola dai 1200 euro scarsi che prendono per rischiare la pelle tutti i giorni?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando abbiamo depositato l'interrogazione, ci siamo sentiti rispondere che in sostanza non ci si poteva fare nulla. Il Conapo arrivò a chiedere al ministro Alfano quello che noi avevamo chiesto di fare alla Regione con un’interrogazione urgente: ovvero istituire un apposito fondo per le emergenze ove far confluire fin da subito i fondi necessari a gestire emergenze. In risposta, l’assessore Gazzolo ci volle ricordare che la Protezione civile regionale aveva disposto al ministero dell’Interno per conto del Commissario, la liquidazione di ben 5.330.880,00 euro a titolo di acconto pari al 50% della somma complessivamente autorizzata a marzo.  Ci fece anche sapere, che la Protezione Civile nazionale aveva già rimborsato 4,5 milioni di euro con il quale si  “sarebbe dovuto” completare il saldo della spesa per i materiali e gli attrezzi usurati e inutilizzabile. Bene, dove sono finiti questi soldi?
 
A giugno i vigili del fuoco, sono dovuti arrivare a minacciare di sospendere la loro fondamentale attività di soccorso e tutela, scioperando in tutta Italia. Sciopero che noi abbiamo appoggiato. Purtroppo, capitò il giorno del giuramento del nuovo governo Letta, quindi la notizia passò in secondo piano, com’è costume italiano: la Grande Politica che asfalta la realtà territoriale. A questo proposito, il “lavoro di squadra”, cara giunta, lo fanno i cittadini sul territorio quando vanno a supplire alle mancanze che il non stanziamento di fondi pubblici crea. Vogliono fare lavoro di squadra? Si vadano a fare un giro nei comandi, provino a farsi una doccia, lor signori, negli spogliatoi dei vigili, provino a stare in una tenda bucata durante un'emergenza. Poi ne riparleremo, di cosa sono le azioni concrete. Intanto, aspettiamo fiduciosi l'effettivo accredito sul conto dei vigili”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento